Apertura

Una smentita che vale come una ammissione di responsabilità

Tra il pomeriggio e la sera dello scorso 26 giugno si è verificato ancora una volta un caso di respingimento collettivo (push back) delegato alle autorità libiche, legittimate ad intervenire dagli accordi bilaterali stipulati con Malta e con l’Italia, assistite dalla missione della Marina Militare italiana Nauras, che rientra nel quadro dell’Operazione Mare Sicuro, e guidate nei loro avvistamenti da assetti aerei di Frontex […]

Diritti e Frontiere

Il principio della fine dei diritti umani: Palestina libera

Tutte le Nazioni del mondo si ritrovavano attorno ad una Dichiarazione universale dei diritti dell’Uomo che avrebbe dovuto costituire un argine contro il rischio che i fantasmi della dittatura e della guerra potessero ritornare. La Palestina è stata il primo territorio nel quale si è sperimentato come i diritti umani proclamati potessero essere violati impunemente in base ai rapporti di forza tra gli Stati […]

Apertura

“Law enforcement” in mare, prassi di polizia che lasciano morire

Frontex non può continuare a scaricare le proprie responsabilità sugli stati membri con i quali collabora al fine di riportare in Libia la maggior parte dei naufraghi soccorsi nel Mediterraneo centrale. Le violazioni dei diritti fondamentali lamentati nel corso delle operazioni di Frontex sono sostanzialmente denunciabili soltanto alla stessa Agenzia per il controllo delle frontiere, oggi è Guardia di frontiera e costiera europea […]

Apertura

Dall’attacco alla indipendenza della magistratura alla legittimazione della menzogna di Stato

L’operazione mediatica e politica che oggi si è imbastita, con una presenza continua di Salvini sui grandi media mira a delegittimare l’intera magistratura, in una evidente crisi di rappresentatività dopo gli scandali scoppiati all’interno del CSM. Le immagini che i media hanno inviato da Lampedusa documentano la sconfitta del teorema del pull factor costituito prima dalle Ong e poi dalle navi della Marina […]

Apertura

L’Italia si nasconde dietro Malta, ma accordi di abbandono in mare e politica dei porti chiusi nascono a Roma

L’Italia si nasconde dietro Malta, ma accordi di abbandono in mare e politica dei porti chiusi nascono a Roma
Come per il decreto ministeriale italiano del 7 aprile replicato da Malta, il Governo di La Valletta ha replicato un Memorandum d’intesa con Tripoli. L’Italia nasconde le proprie responsabilità dietro le violazioni maltesi, ma continua ad assistere la cosiddetta guardia costiera libica mediante la missione Nauras che dal 2018 staziona nel porto di Tripoli. L’Italia finge di non sapere della connivenza tra trafficanti e sedicenti guardacoste rendendosi complice di violazioni e crimini commessi i Libia dai suoi “partner” […]

Apertura

Fuga dal diritto con il caso Open Arms, il copione si ripete

Fuga dal diritto con il caso Open Arms, il copione si ripete
Il voto della Giunta del Senato contrasta con quanto accertato in diverse decisioni della giurisprudenza che ha archiviato la maggior parte dei procedimenti penali a carico delle ONG. L’obbligo di soccorso a carico degli Stati si completa soltanto con lo sbarco dei naufraghi a terra, come aveva affermato con una limpida sentenza del 20 febbraio scorso la Corte di Cassazione […]

Apertura

Oh Malta! Ma non dimentichiamo le responsabilità italiane ed europee nel Mediterraneo centrale

Oh Malta! Ma non dimentichiamo le responsabilità italiane ed europee nel Mediterraneo centrale
Le responsabilità di Malta nei respingimenti in alto mare e gli accordi con i libici sono noti da anni. Non si può dimenticare però che le attività di push back (respingimento) operate dai maltesi in alto mare sono avvenute anche a meno di 30 miglia a sud di Lampedusa, più vicino ai porti italiani che a La Valletta […]

Apertura

Scomparsi nel mare della disinformazione: come il triangolo delle Bermude a sud di Lampedusa?

Scomparsi nel mare della disinformazione: come il triangolo delle Bermude a sud di Lampedusa?
Lo scorso anno la comunicazione era rivolta prevalentemente ad alimentare la “guerra” contro i soccorsi umanitari operati dalle ONG ed a nascondere le responsabilità italiane ed europee nelle intercettazioni di naufraghi nelle acque internazionali del Mediterraneo centrale. Gli ultimi mesi sono invece caratterizzati da una diffusa censura ( o autocensura) dei principali organi di informazione sul tema delle migrazioni […]