Più venti, il gioco sporco dei confini causa un altro naufragio

Nuovo naufragio nel Mediterraneo centrale con un barcone tunisino costato la vita a circa venti persone al largo di Sfax. Ricerche in corso per eventuali altri corpi dispersi. A bordo c'erano 53 "migranti economici"

Foto d'archivio

di Mauro Seminara

Un altro naufragio nel Mediterraneo centrale è costato la vita a circa venti persone. Mentre il mondo si inginocchiava per George Floyd, brutalmente ucciso a sangue freddo da un agente di Polizia negli Stati Uniti, altre venti persone considerate di seconda classe – per quello stesso mondo indignato – morivano a causa di una porta chiusa. La notizia è stata lanciata dall’agenzia internazionale di stampa Reuters che riprende quanto dichiarato a Tunisi da un funzionario del governo tunisino. La barca parrebbe come quelle spesso viste approdare autonomamente a Lampedusa, e come queste era partita da Sfax con un numero ancora imprecisato di persone a bordo che tentavano di bruciare quella frontiera a senso unico tra l’Italia e la Tunisia. Su queste imbarcazioni, solitamente, da recente statistica, trovavano posto fra le 50 e le 70 persone. Su questa, secondo le autorità tunisine che hanno raccolto le prime informazioni, avrebbero dovuto attraversare il mare che li separava dall’Italia 53 persone. Ne sono morte almeno venti, accertate. Gli altri sono dispersi

La barca era partita probabilmente questa notte, ma dopo poche miglia è naufragata. Questa mattina, martedì 9 giugno 2020, i corpi di una ventina di vittime sono stati trovati al largo delle coste di Sfax. La Guardia Costiera e le forze armate tunisine sono ancora impegnate nella ricerca di altre eventuali vittime disperse. Tentavano anche loro di bucare il confine invisibile che consente a qualunque italiano di recarsi in Tunisia, anche solo per una comoda e lussuosa vacanza a basso costo, ma che impedisce ai tunisini cresciuti a pane e Rai 1 di venire in Italia per vedere come è fatta. Il gioco assassino dei confini discrezionali continua a mietere vittime a causa delle disparità sociali tra un passaporto e l’altro. E l’altro passaporto è quello su cui non viene concesso il visto di entrata. Il risultato è una trovata letteraria con cui vengono definiti quanti non hanno diritto a viaggiare: basta chiamarli “migranti” economici. In questo modo, dopo essere definiti migranti economici, all’arrivo oltre confine diventano “clandestini” e se non arrivano diventano morti; come quelli che si cercano oggi al largo della Tunisia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*