Rackete non sbagliò

PuntoNave di Vittorio Alessandro

di Vittorio Alessandro

“L’obbligo di prestare soccorso non si esaurisce nell’atto di sottrarre i naufraghi al pericolo di perdersi in mare ma comporta l’obbligo accessorio e conseguente di sbarcarli in un luogo sicuro”. Lo ha affermato la Corte di Cassazione nelle motivazioni di annullamento della richiesta di arresto di Carola Rackete che, dunque, agì correttamente forzando il diktat del Viminale, gli ordini e le manovre della Guardia di Finanza e il silenzio ostile di molti titolati a dire e ad agire.

Toninelli ministro affermò che la Rackete fosse stata giustamente rinchiusa in galera; Di Maio ministro si disse sconcertato della sua scarcerazione; Salvini ministro fu oltraggioso e sguaiato; i guappi della stampa e del web scaricarono sconcezze di ogni tipo su di lei e su chi, con fermezza, cercava di spiegare gli obblighi del soccorso.

Arriva, ora, la Cassazione e altre sentenze faranno giustizia. La Bestia sembra scomparsa, e tace come le bestie feroci fanno quando aspettano il nuovo momento buono per azzannare.

Io mi godo questa ventata fresca di civiltà.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*