Libia, rapito il sindaco di Tripoli

Il primo cittadino di Tripoli è stato rapito durante la notte e di lui non si hanno ancora notizie. Il Comune di Tripoli chiede l’intervento del Governo di Accordo Nazionale. Haftar aveva rifiutato una richiesta di incontro con Sarraj per una proposta di condivisione di Governo della Libia due giorni prima del sequestro

In copertina: Abdelraouf Bayt Al-Mal, sindaco di Tripoli

Abdelraouf Bayt Al-Mal, sindaco di Tripoli, è stato rapito durante la notte. La notizia, pubblicata questa mattina dal Libyan Express, pare essere stata appresa da fonti del Comune di Tripoli. Il primo cittadino della capitale tripolitania della Libia sarebbe stato condotto in un luogo sconosciuto, come recitano le fonti del Libyan Express. L’amministrazione comunale di Tripoli scrive in una nota: “Tali atti sono crimini che minacciano direttamente la sicurezza della capitale in Libia e la trascinano in un conflitto che potrebbe essere facilmente evitato”. Le attività comunali oggi sono state sospese e l’amministrazione ha invitato il Consiglio presidenziale a prendere tutte le necessarie contromisure affinché Abdelraouf Bayt Al-Mal venga rilasciato vivo ed in buono stato di salute al più presto.

Fayez Al-Sarraj e Khalifa Haftar
Il rapimento del sindaco di Tripoli, sede del Consiglio presieduto da Fayez al Sarraj, avviene appena un paio di giorni dopo che proprio nella capitale era giunta la notizia di un categorico rifiuto da parte di Khalifa Haftar all’offerta formulata da Sarraj. La notizia, lanciata da Awsat e mai smentita dalle parti, raccontava di una proposta di incontro inviata da Sarraj ad Haftar finalizzato ad un accordo per la condivisione del Governo della Libia. Proposta rifiutata dal generale in capo alle Forze armate libiche insediate in Cirenaica. L’uomo in capo alla Libia, che ha eletto capitale temporanea Bengasi, non ha alcuna intenzione di cedere a compromessi su unificazione e controllo del Paese. Haftar ha inoltre dalla sua il sostegno di Al Sisi, della Turchia di Erdogan e, indirettamente, della Russia. In questo momento di fragilità, politica e diplomatica, per la Libia, il sequestro del sindaco di Tripoli è un ulteriore affermazione di debolezza per il residente del Consiglio Presidenziale e Primo ministro del Governo di Accordo Nazionale della Libia Fayez Al Sarraj

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*