Desiderava tanto una Ferrari ma aveva una Toyota: sequestra per contraffazione

Il veicolo, pur conservando i lineamenti esterni della “Toyota”, era stato allestito in maniera identica alle autovetture della casa "Ferrari". Sequestrata la finta supercar a 52enne di Scicli, in provincia di Ragusa

La Toyota MR2 contraffatta
Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa hanno sequestrato una “Ferrari” contraffatta, costruita su misura in casa. A scoprirlo, i Finanzieri della Tenenza di Modica, durante un servizio di controllo economico del territorio su Scicli, che hanno fermato un 52enne, titolare di un’agenzia di organizzazione eventi, alla guida di un’autovettura “Ferrari”. Durante le fasi del controllo, però, i militari si sono insospettiti perché l’auto, pur provvista di tutti i loghi del noto marchio sportivo di Maranello, presentava un design esteriore alquanto diverso dai più noti modelli di supercar del “cavallino”. Circostanza avvalorata dalla carta di circolazione con la quale è stato appurato che in realtà si trattava di un telaio originariamente appartenente ad una “Toyota MR2”.

Dettagli della falsa Ferrari
Il veicolo, pur conservando i lineamenti esterni della “Toyota”, era stato allestito in maniera identica alle autovetture della casa “Ferrari”. Infatti, i loghi metallici, gli adesivi ed alcune parti meccaniche originali “Toyota” (cerchi, pinze freno, cofano anteriore e posteriore, passaruota e volante) sono stati asportati e sostituiti con quelli in dotazione alle autovetture “Ferrari”, circostanza questa confermata anche dai periti ufficiali della casa automobilistica di Maranello, opportunamente contattati ed ai quali sono state inviate diverse fotografie per una rapida perizia. Al termine del controllo il veicolo è stato sottoposto a sequestro penale ed il proprietario è stato deferito alla Procura della Repubblica di Ragusa per aver utilizzato, senza autorizzazione, marchi di fabbrica registrati, in violazione dell’art. 473 del c.p. nonché del regolamento C.E. nr. 1383/2003 sulla tutela della proprietà intellettuale e del Made in Italy.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*