Soccorsi 500 migranti, Sea Watch in difficoltà

La Centrale Operativa della Guardia Costiera italiana è impegnata nel reperimento di unità navali per andare incontro alla Sea Watch 3 troppo carica per navigare fino a un porto italiano

In copertina: Gommone soccorso da Sea Watch 3, nave della Ong tedesca Sea Watch

Tre gommoni carichi di migranti sono stati soccorsi oggi nel Mediterraneo centrale. Le operazioni sono state coordinate, questa volta, tutte e tre dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera italiana (IMRCC). Quasi 500 i migranti tratti in salvo dai gommoni salpati dalla costa della Libia. Alle operazioni hanno preso parte una nave del dispositivo Eunavformed e la nave da soccorso umanitario della Ong tedesca Sea Watch. Dopo aver portato a termine i soccorsi, la nave Sea Watch 3 ha dichiarato di non riuscire a raggiungere un porto italiano, a causa del peggioramento delle condizioni meteomarine, del numero di migranti presenti a bordo e dell’assenza di una quantità sufficiente di acqua e cibo. Sono in corso ricerche per risolvere la condizione della Sea Watch 3 mediante l’impiego di unità navali presenti nell’area di Mediterraneo interessata. La nave Sea Watch 3 ha effettuato due dei tre soccorsi odierni ed a bordo della nave della Ong sono attualmente presenti circa 300 migranti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*