In UE più auto e meno Fiat

Il mercato delle auto è in crescita del 4% rispetto a febbraio 2017, mentre FCA segna -4,4% Non sembra un problema per l’amministratore delegato di FCA Sergio Marchionne il calo di vendite in Europa

La mossa di Marchionne sembra non aver prodotto i frutti sperati, se non nel breve termine o addirittura solo nell’immediato. Il mercato dell’auto in Unione europea cresce ed i dati di febbraio sulle immatricolazioni segnano un +4%. I dati, oltre ai 28 Stati membri, includono anche i Paesi dell’Efta: Svizzera, Norvegia e Islanda. Secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei, le immatricolazioni di nuovi veicoli sono state 1.159.039. Un netto 4% in più rispetto al febbraio dello scorso anno. Sul mercato europeo però crolla la FCA. Adesso “italo-americana”, la Fiat Chrysler Automobiles segue dati in controtendenza rispetto alla crescita delle vendite che probabilmente è riconducibile all’allontanamento della recessione sul territorio dell’UE. La FCA ha immatricolato nello stesso periodo in esame 84.345 veicoli, il 4,4% in meno su base annua. Un calo di vendite sensibile che vede passare le immatricolazioni di veicoli del gruppo dal 7,9% al 7,3%. Il mercato europeo sembrerebbe premiare i marchi europei bocciando il gruppo capitanato da Sergio Marchionne che non sembra preoccupato del calo di apprezzamento. Il gruppo italo-americano conta adesso dei marchi FIAT, Alfa Romeo, Lancia, Maserati, Fiat Professional, Abarth, Jeep, Chrysler, Dodge, Ram Trucks, Mopar ed SRT. Malgrado il lancio di nuovi modelli dall’apprezzabile design sotto il marchio Alfa Romeo, la FCA sembrerebbe puntare sempre più sul mercato americano e sempre meno su quello europeo che rischierà di divenire appannaggio assoluto delle auto tedesche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*