Scomparsa di Di Maio che diserta vertice Palazzo Chigi

Due assenze di seguito di Luigi Di Maio ad un vertice di Governo a Palazzo Chigi. Falsa partenza per la maggioranza dopo il voto in Abruzzo che ha visto la Lega vincere insieme al centrodestra

di Alfonso Raimo

Falsa partenza per la maggioranza dopo il voto in Abruzzo che ha visto la Lega vincere insieme al centrodestra e il M5s perdere circa 20 punti percentuali rispetto al risultato delle politiche. Inizialmente previsto per lunedì sera, il vertice al quale dovevano partecipare con il premier Giuseppe Conte i vicepresidenti Luigi Di Maio e Matteo Salvini, insieme coi ministri Enzo Moavero Milanesi e Riccardo Fraccaro e il sottosegretario alla presidenza Giancarlo Giorgetti è stato rinviato per l’indisponibilità, spiegano fonti di maggioranza, del vicepremier Di Maio.

Aggiornato a ieri mattina, l’incontro ha visto l’assenza a palazzo Chigi dello stesso Di Maio. Due assenze di seguito a una riunione di governo fanno più di un indizio. Tanto più che l’incontro nelle premesse annunciate da Matteo Salvini ieri, avrebbe dovuto fissare la roadmap dei prossimi impegni, dal Venezuela all’autonomia rafforzata, alla legittima difesa, alla Tav Torino-Lione. Su alcuni di questi nodi si registra più di qualche distanza tra i due alleati. In ogni caso mentre Salvini incontrava Conte a Palazzo Chigi, il vicepremier Di Maio andava al Mise, dove ieri aveva in programma, tra le altre cose, una riunione con gli assessori regionali al lavoro per mettere a punto la ‘macchina’ del reddito di cittadinanza.

In attesa che il clima si rassereni, Di Maio al Corriere della Sera aveva detto che il governo andrà avanti. In Abruzzo il M5s ha pagato l’astensione. “Un modo per dire – assicurano fonti M5s – che qualcosa va corretto anche nella coabitazione di governo”.

Alfonso Raimo – Agenzia DIRE

www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*