Doppio sbarco autonomo a Lampedusa e niente “nave hotspot”, ancora notti all’addiaccio

Malgrado le avverse condizioni meteo che hanno impedito al traghetto per Lampedusa di salpare da Porto Empedocle, due barche con persone migranti ha raggiunto l'isola. Tutti e 53 i migranti hanno trascorso la notte all'addiaccio al molo Favarolo. Ferma inutilmente a Porto Empedocle la nave Moby Zaza

di Mauro Seminara

A mezzanotte le forze dell’ordine avevano già rintracciato i due gruppi di migranti approdati a Lampedusa nella tarda serata di ieri. Una barca con dieci tunisini era entrata dritta in porto ed i carabinieri hanno fermato a terra gli audaci harragas. Un’altra barca ha invece portato in località Cala Madonna 43 migranti subsahariani. Anche questo gruppo è stato fermato dalle forze dell’ordine a terra. Le due barche sono salpate da diversi porti del nord Africa. Dalla Tunisia sono infatti partiti i dieci giovani uomini tunisini mentre da Zawiah, in Libia, sono partiti i 43 subsahariani. In questo secondo gruppo, composto da nazionalità miste con prevalenza di cittadini della Costa D’Avorio, c’erano anche 24 donne. Una delle quali in evidente avanzata gravidanza. La Guardia Costiera ha tolto gli ormeggi con una SAR 300 per cercare la barca con cui è arrivato uno dei due gruppi di migranti, ma né da terra né in mare con il guardacoste è stato trovato il natante (Video).

Le due barche hanno raggiunto Lampedusa miracolosamente mentre il mare del Mediterraneo centrale si ingrossava. Le condizioni meteo si sono fatte presto proibitive per due piccole barche, tanto che la nave traghetto Cossyra non ha tolto gli ormeggi dal porto siciliano di Porto Empedocle. Nello stesso porto è ormeggiata anche la nave Moby Zaza, tanto attesa ed ancora inutilizzata. La nave dell’armatore Onorato, come la Rubattino a Palermo, è arrivata nel porto agrigentino la mattina del 10 maggio tra varie accese polemiche legate non soltanto al costo della milionaria operazione ma anche per la decisione di stanziare la nave a Porto Empedocle invece che vicino Lampedusa. Questa notte i 53 migranti approdati sull’isola l’hanno trascorsa all’addiaccio, come altri in precedenza, sulla banchina del molo militarizzato Favarolo perché a Lampedusa non c’è la Moby Zaza – già pagata per due giorni inutili – e non arriverà neanche la nave traghetto domattina per trasferirli in modo ordinario.

Quello che a Lampedusa era stato chiesto, con prima voce il sindaco dell’isola, era una nave che svolgesse funzione di “nave quarantena” – come la chiama la sindaca di Porto Empedocle – per i migranti che approdavano sulle sue coste. La Moby Zaza è arrivata a sud della Sicilia dopo 21 giorni dalla pubblicazione del bando del Ministero dei Trasporti e con un costo, per la sola nave, di circa un milione di euro. Ma il risultato, come si è verificato questa notte a Lampedusa, è che migranti sono arrivati in autonomia sull’isola, la nave hotspot da isolamento Covid non c’è e le prime 24 ore di isolamento e prima accoglienza è stata rifatta al molo Favarolo come se il milione di euro di risorse pubbliche non fosse stato impegnato. Inoltre, forse con queste condizioni meteo la Guardia Costiera non avrebbe potuto trasbordare i migranti anche se la nave fosse stata nelle vicinanze. Certo, con i suoi 155 metri di lunghezza per 27 di larghezza la Moby Zaza non può entrare in porto a Lampedusa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*