Ultima parola

Il PuntoNave di Vittorio Alessandro

di Vittorio Alessandro

«Carola Rackete non andava arrestata: entrando in porto e violando i divieti ha adempiuto a un dovere, portare in salvo i migranti soccorsi in mare»: così ha deciso la Cassazione.

Ne deriva qualche osservazione:

1) che i divieti contenuti nel decreto Sicurezza sono illegittimi e ora non sono “parcheggiati”, ma procurano danni agli uomini e alle istituzioni ogni giorno di più;

2) che la Procura di Agrigento ha assunto fino in fondo il proprio ruolo, opponendo ricorso all’ordinanza del Gip che non convalidò l’arresto della Rackete;

3) che sbagliò chi si oppose all’accosto in banchina della Sea Watch (e anche chi non lo facilitò) e che è ridicolo parlare ancora di “speronamento” e di manovra aggressiva.

L’avevamo detto in molti, ora si è pronunciata la Cassazione, ed è l’ultima parola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*