Alan Kurdi, il video degli spari libici con i migranti in mare

Nel video diffuso dalla Ong tedesca Sea Eye si vedono gli interminabili momenti di panico con i libici che sparano raffiche di mitragliatrice ed i migranti che si tuffano in mare per ben due volte

Motoscafo libico armato e rhib della Alan Kurdi

Sabato 26 ottobre, durante un intervento di salvataggio della Alan Kurdi ai 90 migranti di un gommone segnalato da Alarm Phone alla Guardia Costiera italiana ed alla Ong Sea Eye che si trovava in zona, i libici sono sopraggiunti con degli scafi veloci ed armati di mitragliatrice a prua. Momenti di panico interminabili. I libici fanno sentire il temibile suono della loro mitragliatrice sparando raffiche in aria. I migranti si tuffano in mare, fortunatamente con i giubbotti di salvataggio già distribuiti dalla Alan Kurdi. I soccorritori rimangono fermi, atterriti, sui rhib con cui si apprestavano a soccorrere quelle persone. I libici prendono sul loro motoscafo alcuni dei migranti che si erano tuffati in mare, ma questi si rituffano per non essere riportati in Libia. Sulla poppa dello scafo libico svetta intanto la bandiera della Libia, vessillo di una pseudo investitura per delle persone in abiti civili già viste in passato come “guardia costiera di Zawia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*