Anche il silenzio uccide

Le navi delle Ong, dissequestrate dalla magistratura, rimangono sottoposte al sequestro amministrativo imposto dai prefetti. Il Viminale concorda con la Libia nuovi interventi per intercettare migranti in fuga

L'incontro molto pubblicizzato di Maiteeq e Salvini a sinistra e la foto di Lamorgese e Maiteeq a destra

di Fulvio Vassallo Paleologo

Nulla da aggiungere dopo due settimane. Nessuna vera discontinuità. Si è soltanto passati dalla strumentalizzazione dei soccorsi in mare che prima venivano enfatizzati per imporre poi i divieti di ingresso, alla censura, al silenzio stampa, ed anche al silenzio dopo le richieste di intervento. Anche il silenzio uccide. Le navi delle Ong, dissequestrate dalla magistratura, rimangono sottoposte al sequestro amministrativo imposto dai prefetti. Una misura che elimina mezzi di soccorso che potrebbero salvare vite, anche in questi giorni. Una serie di provvedimenti illegittimi che il ministro dell’Interno potrebbe fare revocare in autotutela. Ma al Viminale si preferisce concordare con i libici nuovi interventi per intercettare in acque internazionali i migranti in fuga dai lager controllati dalle milizie. Totale continuità con la politica del governo giallo-verde.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*