Naufragio al largo della Tunisia, più di 15 le vittime

Risultano essere partiti in 25 sulla barca naufragata a circa dieci chilometri da Sfax, città costiera della Tunisia non lontana da Lampedusa. Recuperati otto corpi e salvati nove migranti. Ricerche per i dispersi

Foto d'archivio

Erano partiti dalla costa tunisina gli harragas, i giovani nordafricani intenzionati a “bruciare la frontiera” in un momento di confusione elettorale per la Tunisia. La loro imbarcazione è naufragata a circa dieci chilometri da Sfax, non lontano da Lampedusa. Sono ancora in corso, da questa mattina, le operazioni di ricerca e soccorso cui stanno partecipando i pescatori oltre alla Guardia Costiera della Tunisia. Il primo bilancio, che lascia scarso margine alla speranza, è di otto corpi recuperati sul totale di 25 persone che sarebbero rimaste vittime del naufragio. Inizialmente erano stati salvati da pescatori tunisini nove migranti e recuperati soltanto due corpi. Dei restanti 14 dispersi sono stati attualmente recuperati altri sei corpi. La Guardia Costiera tunisina sta portando le vittime a Sfax, dove sono stati subito accolti i superstiti per le prime cure.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*