I muscoli del capitano

Il PuntoNave di Vittorio Alessandro

di Vittorio Alessandro

Sbaglia chi crede che il comandante che trasporta persone stia chiuso in cabina come Achab o sul ponte più alto a discutere con i suoi collaboratori. Anche sulle navi più grandi, il capitano che fa bene il proprio mestiere sente su di sé la responsabilità di tutti e, se uno solo sta male, è affare del capitano.

Figuriamoci quando conduce, su un piccolo battello senza certezze e senza porti, una umanità dolente salvata dalle onde: bambini, donne incinte, persone ferite. Voi non immaginate quale prezzo paghino i capitani delle navi soccorritrici e i loro equipaggi di marinai volontari.

Perché, allora, sono andati fin lì? Sembrerà strano: perché c’era da soccorrere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*