Il mondo sommerso di Lampedusa alla portata di tutti

Un semi-sommergibile permetterà ai turisti ed ai curiosi che non hanno abilità da sub di ammirare i fondali dell’isola italiana perla del Mediterraneo. L’esperimento sta riscuotendo successo in altre cinque città

Le meraviglie sottomarine di Lampedusa non saranno più un’esclusiva degli appassionati di snorkeling che si immergono con le bombole di ossigeno. Una novità, che sta riscuotendo un egregio successo, approda adesso anche sulla perla del Mediterraneo e permetterà la visione del mondo sommerso pelagico a chiunque. Si chiama “Nemo Sub”, ed è un semi-sommergibile rosso già arrivato sull’isola pochi giorni addietro. Ricorda molto gli autobus rossi a due piani che fanno i giri turistici nelle città d’arte. Ha appunto un piano superiore scoperto, da dove in questo caso è possibile ammirare le bellezze di Lampedusa sopra il livello del mare con le sue incantevoli calette, ed un piano inferiore finestrato che viaggia sotto il pelo d’acqua. Sotto è un belvedere ad un metro di profondità da cui si potranno vedere tutte le curiosità che ospitano i fondali della maggiore isola dell’arcipelago pelagico. Dalla Madonne in fondo al mare della riserva dei Conigli, di fronte l’omonima baia rinomata in tutto il mondo, alla nave affondata a breve distanza da Capo Ponente, passando ovviamente per le distese di posidonia e per la fauna marina dei mari lampedusani. Il semi-sommergibile rosso è reperibile già in sei porti italiani e permette di ammirare il mondo sottomarino di Portovenere, Otranto, Sorrento, Trapani, Cagliari ed adesso anche Lampedusa. Una innovativa ed ammirevole arma per il turismo, alla portata di tutta la famiglia, bambini inclusi, che si suppone possa riscuotere un notevole successo anche e soprattutto a Lampedusa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*