Record a Genova: sequestrate 2 tonnellate di cocaina

Il container in cui si trovava la droga arrivava dalla Colombia ed era diretto a Barcellona. L’operazione è divenuta internazionale sotto l’egida di Eurojust. Arrestato a Barcellona un uomo di 59 anni

Una parte dei 1.801 panetti di cocaina provenienti dalla Colombia e sequestrati dalla Guardia di Finanza il 23 gennaio a Genova

Il sequestro, del valore di circa mezzo miliardo di euro, rappresenta il più ingente registrato in Italia negli ultimi 25 anni. A realizzare il colpo del secolo e sferrare un colpo durissimo agli affari della criminalità organizzata, sono stati i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Genova. Le Fiamme Gialle hanno infatti scoperto il traffico internazionale di cocaina, nel porto di Genova, e sequestrato 60 borsoni con oltre 2 tonnellate di cocaina, rinvenuti all’interno di un container proveniente dalla Colombia e diretto a Barcellona, in Spagna. Il sequestro è stato effettuato il 23 gennaio, ma è stato reso noto soltanto oggi per non mettere a rischio il resto dell’operazione. All’interno del container sono stati rinvenuti, 1801 panetti di cocaina purissima, proveniente dalla Colombia, paese produttore dello stupefacente, per un peso complessivo di oltre 2.100 chilogrammi.

Le attività, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo della Procura della Repubblica del capoluogo ligure, sono state svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e dal II Gruppo, su input informativo della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno. A livello internazionale hanno collaborato all’operazione la Armada colombiana, le autorità britanniche e la Polizia Nazionale spagnola. Lo stupefacente apparteneva a diverse organizzazioni di narcotrafficanti associate al gruppo armato organizzato conosciuto come il “Clan del Golfo”, il quale si avvale di contatti in numerosi porti europei presso i quali vengono effettuate le spedizioni di stupefacenti. Al fine di identificare gli autori dell’enorme traffico, l’Autorità Giudiziaria ha disposto l’esecuzione di una consegna controllata internazionale, mediante l’emissione di un Ordine Europeo d’Indagine nei confronti delle autorità spagnole eseguito sotto l’egida di Eurojust con il supporto della rete estera degli esperti antidroga della DCSA.

La Policia Nacional di Barcellona, coordinata dalla Unidad Central de Droga y Crimen Organizado di Madrid, ed il Nucleo PEF di Genova, in esecuzione della richiesta dell’autorità giudiziaria italiana, hanno attuato un dispositivo repressivo che ha permesso, il 25 gennaio a Barcellona, di identificare e trarre in arresto un cittadino spagnolo di 59 anni incaricato dall’organizzazione all’estrazione dello stupefacente dal porto. Il sequestro di 21 tonnellate del 23 gennaio nel porto di Genova si aggiunge a quello di oltre 600 chilogrammi nel porto di Livorno e rappresenta, con un totale di oltre 27 tonnellate di cocaina uno dei colpi più duri mai inferti in una sola settimana ai narcotrafficanti europei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*