Messina, arrestato corriere con 11 Kg di cocaina proveniente dalla Calabria

Fermato un veicolo proveniente dalla Calabria e guidato da un uomo della stessa regione con a bordo dieci panetti di cocaina per un totale di undici chilogrammi di stupefacente. La droga è stata fiutata da un cane antidroga impiegato dalle Fiamme Gialle nella zona degli imbarcaderi sottoposti a costante controllo

In copertina: Dandy, il cane antidroga della Guardia di Finanza di Messina, in azione sul veicolo con gli 11 chili di cocaina
La cocaina sequestrata a Messina dalla Guardia di Finanza

La Calabria si conferma centrale del Mediterraneo per il traffico di cocaina e, malgrado i duri colpi subiti dalla ‘ndrangheta con gli ingenti sequestri nel porto commerciale di Gioia Tauro, la regione italiana continua a fornire polvere bianca in quantità industriale ad altre regioni dello stivale. L’ultima operazione ha condotto la Guardia di Finanza al sequestro di ben 11 chilogrammi di cocaina nel porto di Messina. L’area di imbarco e sbarco dei traghetti che collegano la Calabria alla Sicilia viene infatti costantemente monitorata dalle Forze dell’Ordine, anche con l’ausilio di cani antidroga. Il controllo degli automezzi che transitano nel porto di Messina ha permesso ai militari della Guardia di Finanza di scoprire un corriere, un uomo calabrese, che era appena sbarcato in Sicilia con 10 panetti di cocaina occultati sotto i pannelli di rivestimento interno del veicolo, sottoposto a sequestro insieme alla droga. L’uomo è stato tratto in arresto e denunciato per traffico di stupefacenti.

La notizia completa

I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno eseguito un nuovo sequestro, di oltre 11 chili di cocaina, presso gli imbarcaderi dei traghetti che collegano con la Calabria. La droga era trasportata all’interno di un autoveicolo diretto in Sicilia. Il corriere è stato tratto in arresto dai militari della Guardia di Finanza. L’operazione è stata eseguita nel corso dei controlli effettuati dalle Fiamme Gialle presso gli imbarcaderi delle navi traghetto grazie all’esperienza investigativa maturata dai finanzieri, che va sempre di più a consolidarsi, ma anche grazie al determinante contributo dei cani antidroga con il loro eccellente fiuto.

I militari hanno sottoposto a controllo numerosi autoveicoli provenienti dalla Calabria. È stato il fiuto del cane Dandy a segnalare la presenza della sostanza stupefacente all’interno dell’auto condotta da un uomo, che da un primo controllo non era stata rinvenuta. Per tale motivo, i finanzieri hanno eseguito un controllo più approfondito sul mezzo provvedendo allo smontaggio dei pannelli interni dell’abitacolo. È stato allora che i finanzieri hanno scoperto 10 panetti di cocaina, avvolti in involucri di cellophane e sigillati con nastro da imballaggio. Il corriere della droga, un uomo di origine calabrese, è stato tratto in arresto in flagranza di reato per traffico di sostanze stupefacenti e successivamente tradotto in carcere in attesa di giudizio. Oltre alla sostanza stupefacente è stato sequestrato anche il mezzo su cui viaggiava il corriere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*