Claudio Traina, 19 luglio 1992

Nella strage di via D'Amelio persero la vita il magistrato simbolo della lotta alla mafia ed i cinque agenti della scorta: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina

Dopo aver svolto il servizio militare nell’aeronautica, Claudio Traina decide di entrare in polizia giovanissimo. Dopo aver frequentato il corso di formazione presso la scuola di Polizia ad Alessandria, entra a far parte della squadra volanti a Milano per poi essere trasferito, su sua richiesta, a Palermo. È il 1990 quando decide di farsi assegnare all’ufficio scorte. Aveva solo 27 anni ed era sposato e padre di un bimbo di solo undici mesi, Dario, che ora vive in Brasile. Suo fratello Luciano, agente della Squadra Mobile di Palermo, ora in pensione, dopo la strage fece parte del pool di poliziotti che catturarono il boss Giovanni Brusca.

(Fonte: Ministero degli Interni)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*