Il post trasgressivo di Di Maio che annuncia il nome proposto a Mattarella

Nel post Di Maio scrive che al presidente Mattarella è stato proposto il nome di Giuseppe Conte quale scelta condivisa con la Lega per la guida del Governo. Il testo completo del post firmato da Di Maio

Il post pubblicato sul Blog delle Stelle a firma Luigi Di Maio, mentre questi era in taxi, era stato ovviamente redatto prima che il capo politico salisse al Quirinale dal presidente della Repubblica. Nel post Di Maio scrive che al presidente Mattarella è stato proposto il nome di Giuseppe Conte quale scelta condivisa con la Lega per la guida del Governo. Un annuncio ufficiale che brucia di pochi minuti l’uscita in sala stampa di Matteo Salvini. Il leader del Carroccio, tra l’altro, ai giornalisti si è limitato a dire che “il nome” al presidente è stato fatto. Senza quindi svelarlo. Non sappiamo, al momento, se Matteo Salvini era a conoscenza dell’anticipazione di Luigi Di Maio quando ha reso le proprie dichiarazioni ai giornalisti nella sala stampa del Quirinale al termine del breve colloquio con il presidente della Repubblica. L’annuncio del nome di Conte, ufficializzato da Di Maio sul blog, ha comunque “trasgredito” alla prassi secondo cui questo resta riservato fino a pronunciazione del presidente. Il presidente della Repubblica non ha reso alcuna dichiarazione al termine dell’odierna consultazione, quindi si attende adesso direttamente la convocazione di Conte al Quirinale.

Ecco il post firmato da Luigi Di Maio pubblicato sul Blog delle Stelle appena dopo l’uscita del capo politico del Movimento Cinque Stelle dal Palazzo del Quirinale:

di Luigi Di Maio

Oggi possiamo dire che siamo di fronte a un momento storico. Abbiamo indicato il nome di Giuseppe Conte al presidente della Repubblica. Un nome che può portare avanti il contratto di governo. E sono particolarmente orgoglioso di questa scelta.

Ovviamente il nostro obiettivo era ed è migliorare la qualità della vita degli italiani e in questi 80 giorni abbiamo imposto un metodo: prima si è discusso di temi e poi di nomi. Le questioni degli italiani vengono prima di ogni cosa. Sono orgoglioso di aver portato al governo il nostro programma elettorale, ci sono le 5 stelle, ci sono i nostri 20 punti e tante soluzioni alle sofferenze degli italiani: dal Reddito di Cittadinanza al superamento della legge Fornero, a più spazi di bilancio in Europa, dalla lotta al gioco d’azzardo, al superamento della buona scuola, alla sanità, con la meritocrazia per chi è a capo degli ospedali. Ci sono le grandi battaglie storiche del MoVimento 5 Stelle, come l’acqua pubblica

Come capo politico del Movimento posso dire che abbiamo lavorato notte e giorno per portare a casa questo risultato. A chi ci critica dall’estero dico: fateci partire prima. Poi ci criticate, ma almeno fateci partire.

Siamo pienamente soddisfatti del lavoro, nei prossimi giorni speriamo che si possa iniziare questo nuovo percorso per la Repubblica. Sono stati 80 giorni in cui ne è valsa la pena prendere tempo perché finalmente nasce la terza Repubblica. Il nostro governo sarà inaspettato ma votato, perché non si basa sui cambi di casacca. Nascerà intorno a una contrattazione al rialzo. Se il presidente Mattarella valuta giusto il nome, allora sarà un governo politico che mette al centro le questioni politiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*