Turchia espelle l’ambasciatore di Israele per il massacro a Gaza

La pioggia di fuoco israeliana contro i palestinesi che protestavano al confine ha causato circa 60 morti e quasi 3mila feriti tra i palestinesi. Il massacro nel giorno in cui si inaugurava la nuova sede a Gerusalemme dell’Ambasciata americana. Oggi il presidente turco ha convocato l’ambasciatore israeliano in Turchia

In copertina: Recep Tayyip Erdogan, presidente della Turchia

di Vincenzo Giardina

La Turchia ha deciso di espellere l’ambasciatore israeliano ad Ankara, Eitan Naeh. Secondo l’edizione online del quotidiano Haaretz, il diplomatico è stato convocato al ministero degli Affari esteri turco ad Ankara e gli è stato chiesto di lasciare il Paese. La notizia si è diffusa dopo che Ankara aveva richiamato i suoi ambasciatori a Washington e Tel Aviv.

ERDOGAN: “BASTA VIOLENZE DA ISRAELE, STATI UNITI CORRESPONSABILI”

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha motivato le decisioni con la protesta “per le violenze commesse dai soldati israeliani contro i manifestanti nella Striscia di Gaza” e con il fatto che gli Stati Uniti sono “corresponsabili”.

Vincenzo Giardina – Agenzia DIRE
www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*