Coderblock: nuove prospettive per il lavoro

Si tratta del primo recruitment marketplace meritocratico sviluppato con AI e "machine learning" il cui obiettivo è favorire l’incontro fra aziende e freelancer al fine di ottimizzare le collaborazioni digitali da remoto

In copertina: l’innovativo prodotto sviluppato per favorire l’incontro tra aziende e freelancer

di Roberto Greco

Durante il corso di Collision Conf – importante conferenza internazionale che si occupa di sviluppo tecnologico applicato – svoltasi lo scorso 2 maggio a New Orleans, Danilo Costa ha raccontato l’idea che si cela dietro il proprio prodotto digitale: Coderblock, e la relativa piattaforma web collegata all’esperienza in realtà virtuale. Si tratta del primo recruitment marketplace meritocratico sviluppato con AI e machine learning il cui obiettivo è favorire l’incontro fra aziende e freelancer al fine di ottimizzare le collaborazioni digitali da remoto. Fra le 580 Startup internazionali coinvolte dalla Collision Conf, solo 70 sono state selezionate per raccontare il loro prodotto di fronte agli investitori. Grazie a questa opportunità Coderblock ha potuto raccogliere ottimi feedback. Dal suo primo esordio negli States, grazie ai numeri in continua crescita e ai progressi degli ultimi mesi, Coderblock è stata ufficialmente promossa allo stato di “beta” come unica startup italiana dedicata al recruitment presente alla Convention.

Come funziona Coderblock? Grazie agli innovativi algoritmi di matching meritocratici implementati, le aziende hanno la possibilità di accedere alla migliore selezione di professionisti digitali per lo sviluppo dei loro progetti e automatizzare la creazione di un team dedicato. Una volta formato il team, i brand possono gestirlo direttamente in piattaforma tramite un opportuno tool di Agile team management, denominato “Workspace”, e focalizzato verso l’ottimizzazione della collaborazione in termini di produttività, pianificazione, rapidità e feedback. “Il nostro obiettivo è far conoscere Coderblock ad uno scenario internazionale reclutando freelancer e aziende di qualità in tutto il mondo. Da questo viaggio abbiamo tratto grandi benefici, raccolto feedback interessanti, e scoperto nuovi modi di vedere il remote working.” Afferma Danilo Costa, CEO & Founder di Coderblock.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*