Lavoro, il M5S pensa a reintrodurre l’Art. 18: “Diritti sono fondamentali”

Pasquale Tridico, docente di economia e candidato M5s alla poltrona di ministro del Welfare sulla reintroduzione dell’articolo 18: “La flessibilità non ha aiutato né l’occupazione né la produttività”

Il Movimento 5 Stelle ci sta pensando: l’Articolo 18 dello statuto dei lavoratori, la legge che tutelava i lavoratori dipendenti in caso di licenziamento illegittimo, ingiusto e discriminatorio abolita dal Jobs Act potrebbe essere reintrodotta. Lo ha detto Pasquale Tridico, docente di economia e candidato M5s alla poltrona di ministro del Welfare, intervenendo a Circo Massimo su Radio Capital. “Stiamo considerando la possibilità di reintrodurlo”, confessa Tridico. “L’esigenza di cambiare quel pilastro esiste”.

“Gli autori del jobs act – ha sottolineato il ministro in pectore del M5S – sono i primi a volerlo cambiare. Cesare Damiano, ad esempio, voleva proporre una riforma per rendere più severi i termini del licenziamento”. Ma per Tridico “non è solo una questione di diritti, ma anche di impatto economico: la flessibilità non ha aiutato né l’occupazione né la produttività. I diritti sono importanti per ridare dignità, non per creare lavoro”.

Agenzia DIRE
www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*