Italia nel caos, scontri e tensioni da Milano a Palermo e città blindate

Schierati 3.500 agenti nella capitale dotati di metal detector come nelle misure antiterrorismo di capodanno. Attese forti tensioni a Palermo per il corteo di Forza Italia. Salvini e Lega in corteo a Milano

Nel primo pomeriggio CasaPound dovrebbe tenere un comizio elettorale nel centro di Milano dove, già questa mattini si sono registrati momenti di tensione. Una trentina di studenti si erano arrampicati su un monumento della vicina Piazza Cairoli. Sono intervenuti gli agenti di polizia per far scendere gli studenti dal monumento che si rifiutavano di eseguire gli ordini. Le forze di polizia hanno dovuto prendere e spostare di peso i giovani abbarbicati al monumento. Sgomberata la piazza, gli studenti hanno dato poi il via ad un corteo che si è diretto verso piazza del Duomo inneggiando slogan. Slogan anche per il corteo dell’Anpi, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, che scandisce “mai più fascismi” al corteo capitolino che da Piazza della Repubblica dirige verso Piazza del Popolo. Alla manifestazione dell’Anpi aderiscono anche il Partito Democratico, +Europa, le Acli, Liberi e Uguali, Comune, Regione e varie sigle sindacali.

Doppio accerchiamento della capitale per la sicurezza in questa giornata di cortei, manifestazioni e comizi. Una prima linea di controllo e sicurezza è stato predisposto dalle forze dell’ordine già all’ingresso di Roma, lungo le vie consolari ed ai caselli autostradali. Gli altri punti di controllo sicurezza sono stati approntati presso gli accessi alle piazze ed in generale ai luoghi di raduno dei manifestanti. Gli agenti sono stati dotati di metal detector portatili per verificare che i partecipanti non portino armi da taglio, da fuoco, esplosivo ed in generale oggetti contundenti come spranghe e catene. Per la circostanza sono stati schierati 3.500 agenti. Non potranno accedere alle aree di raduno le persone che indossano abbigliamento utile a rendere difficile il riconoscimento, come felpe con cappuccio e sciarpe. Divieto assoluto anche per bastoni, mazze e altri oggetti contundenti in legno.

Se a Roma la tensione si respira nell’aria con l’attesa per il comizio di CasaPound e l’arrivo previsto di Matteo Salvini con un corteo della Lega, a Palermo la tensione è materialmente tangibile a causa della manifestazione di Potere al Popolo e del successivo corteo di Forza Nuova che attraverserà le vie del centro. Le forze dell’ordine hanno sconsigliato di recarsi nel centro del capoluogo siciliano nella giornata odierna. A Palermo lo scontro è annunciato. Forza Nuova porta in corteo l’aggressione subita dal forzanovista Massimo Ursino. Quest’ultimo era stato immobilizzato e pestato in gruppo da sedicenti antifascisti in pieno centro cittadino. Anche a Palermo è estremamente massiccio l’impiego di agenti delle forze dell’ordine. A Brescia è in programma un sit-in antifascista, nella piazza capitolina dell’Esquilino è in programma un corteo dei Cobas contro il Jobs Act, al Centro di Identificazione ed Espulsione per migranti di Ponte Galeria c’è un sit-in contro le politiche migratorie, corteo “no-vax” a Porta San Giovanni e sit-in di Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni in Piazza Vittorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*