Dalla Turchia 5 miliardi di dollari di aiuti per la ricostruzione dell’Iraq

Per la ricostruzione dell’Iraq distrutta dalla guerra contro Saddam prima e contro l’IS dopo servono 88 miliardi di dollari. Arabia Saudita, Qatar e Kuwait si impegnano per 4 miliardi e mezzo

In copertina: militari statunitensi osservano la statua di Saddam sradicata dal piedistallo e distrutta a terra

Cinque miliardi di dollari in prestiti e investimenti: sarà questo, secondo il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu, l’impegno della Turchia per la ricostruzione dell’Iraq. Del contributo il dirigente di Ankara ha detto ieri, nel corso della terza e ultima giornata di una conferenza in Kuwait dedicata al sostegno internazionale al governo di Baghdad. Prima di Cavusoglu ad annunciare impegni erano stati oggi i rappresentanti dell’Arabia Saudita (un miliardo e mezzo), del Qatar (un miliardo) e dello stesso Kuwait (due miliardi). Secondo stime del governo di Baghdad, rilanciate dal segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, per la ricostruzione dell’Iraq servono oltre 88 miliardi. La conferenza è stata organizzata circa due mesi dopo la proclamazione della sconfitta militare dello Stato islamico, il gruppo che dal 2014 aveva assunto il controllo di ampie zone del centro e del nord del Paese.

Vincenzo Giardina – Agenzia DIRE
www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*