Siria, si intensificano i raid aerei a Idlib

Save the Children: colpiti anche campi profughi con civili e bambini. Secondo le testimonianze raccolte all’Organizzazione mondiale, bombe avrebbero colpito i campi di Al Jazeera, Atmeh e Al Bayan. I raid nella regione sotto il controllo dell’opposizione ma nessun riferimento esplicito alla nazionalità dei bombardieri che hanno sganciato vicino ai compi profughi

Migliaia di bambini siriani sono in gravissimo pericolo a causa dell’escalation dei combattimenti nell’enclave sotto il controllo dell’opposizione a Idlib. Nelle ultime 48 ore i bombardamenti e il lancio di missili si sono intensificati, con numerosi attacchi fatali in aree dove vivono i civili. Martedì sono stati segnalati bombardamenti su un campo dove molte migliaia di persone in fuga avevano cercato rifugio. Più di 30 scuole, sostenute da Save the Children e dai suoi partner locali, sono state temporaneamente chiuse per motivi di sicurezza. Centinaia di famiglie sfollate, costrette a vivere in tende e senza alcun riparo da bombe e missili, si sono trovate sotto il fuoco crescente dei combattimenti senza alcuna via di fuga. “Erano le 10 del mattino ed eravamo nelle nostre tende quando abbiamo sentito la prima bomba. Quando siamo usciti ci siamo resi conto che aveva colpito a 70 metri da noi, nel campo di Al Jazeera, mentre la seconda bomba è caduta a ovest, nel campo di Al Bayan, a 100 metri da noi. La terza bomba invece è caduta nella strada di fronte a noi. Quattro persone sono state uccise ad Al Jazeera, mentre 2 persone hanno perso la vita ad Al Bayan”, racconta un testimone, padre di 4 bambini, che sei settimane fa è stato costretto a fuggire dalla propria abitazione e ora vive nel campo di Atmeh, a nord di Idlib. Ieri la sua famiglia è rimasta intrappolata sotto i bombardamenti e i suoi figli si sono terrorizzati.

“Tra le 6 persone uccise ci sono anche 2 bambini. Erano seduti attorno a una stufa, nel campo, quando improvvisamente una bomba è caduta su di loro. Tra i bambini e gli anziani c’è moltissima paura, sono terrorizzati. Ho preso i miei bambini e li ho portati via dal campo, tutti i bambini hanno lasciato il campo. La situazione è molto difficile, la gente piange e ha molta paura. Siamo in inverno e non abbiamo né stufe né carbone. Se fossimo in estate potremmo sopportare la temperatura, ma ora fa molto freddo e siamo tra le montagne. Se potessimo permettercelo, ci compreremmo delle tende che monteremmo da noi. Non avremmo bisogno né di un campo né di nient’altro, ma purtroppo non abbiamo soldi, non abbiamo nulla”, racconta ancora l’uomo ai volontari di Save the Children. “La situazione già grave a Idlib è peggiorata ulteriormente. C’è un grave aumento degli attacchi che si ritiene abbiano ucciso decine di persone solo negli ultimi giorni. I bambini e le loro famiglie stanno fuggendo nella speranza di trovare sicurezza e aiuto, ma le bombe li seguono anche nei campi e negli ospedali. Non ci sono quasi più vie di fuga per loro. Abbiamo bisogno di un immediato cessate il fuoco a Idlib e in tutta la Siria, per poter raggiungere con gli aiuti umanitari chi ne ha estremo bisogno. Oltre 250.000 persone hanno abbandonato le loro case nelle ultime sei settimane e ogni giorno ve ne sono altre che muoiono o scappano,” ha dichiarato Sonia Khush, Direttrice di Save the Children in Siria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*