Sequestro alla Popolare di Vicenza per 106 milioni di euro

Eseguito su ordine della Procura di Vicenza il sequestro di 106 milioni di euro che la Banca Popolare di Vicenza aveva incassato da liquidazione di asset finanziari e depositati presso la filiale di Milano

Su incarico della Procura della Repubblica di Vicenza, i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria hanno dato esecuzione oggi ad un sequestro preventivo ai fini della confisca in via diretta per l’importo di 106 milioni di euro nei confronti della “Banca Popolare di Vicenza S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa”. L’attività della Procura rientra nell’ambito della nota indagine penale concernente le responsabilità individuate nella gestione dell’Istituto bancario che versa attualmente nella fase dell’udienza preliminare.
Si tratta dell’originario provvedimento di sequestro disposto dal G.I.P. presso il Tribunale di Vicenza, riguardante il profitto del reato contestato di ostacolo all’esercizio delle funzioni di vigilanza della CONSOB che è stato posto in essere in occasione dell’operazione di aumento di capitale compiuta dalla banca popolare nel 2014.
In particolare, in esecuzione del citato provvedimento, la polizia economico-finanziaria ha sottoposto a sequestro, per l’importo di 106 milioni di euro, disponibilità finanziarie giacenti su un rapporto di conto corrente acceso presso la filiale di Milano di un Istituto di credito nazionale ed intestato alla menzionata “Banca Popolare di Vicenza S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa”, derivanti dalla pregressa liquidazione di asset rimasti nel patrimonio della banca popolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*