“Mediterraneo: fotografie tra mare e terra” Aperta la call dell’edizione 2018 della rassegna

Tutti i bandi sono rivolti ai fotografi e alle fotografe che vivono o lavorano nei Paesi del Mediterraneo. Il limite massimo per l'invio del materiale richiesto è il 15 febbraio prossimo.

Riparte la rassegna di fotografia che racconta dal 2012 il Mediterraneo come luogo di relazioni dove le culture e le arti s’incontrano e si scontrano, dialogano, evolvono e interagiscono. Tre i bandi proposti per l’edizione 2018. La rassegna “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”, sostiene il valore del racconto sulla contemporaneità e a questa dedica il primo bando, quello denominato “Attualità”, bando rivolto a tutti i fotografi che raccontano il presente documentandone i risvolti umani, sociali ed ambientali.

Woman – (ph. Francesca De Caro)
Il bando “Sguardi di Donne sulle Donne del Mediterraneo” è invece indirizzato a tutte le fotografe. La rassegna considera un valore aggiunto il “punto di vista delle donne” su cultura, società ed etica e questo bando è dedicato al loro sguardo sul Mediterraneo. Terzo bando della rassegna è l’importante premio “Mediterraneo 2018”. Indirizzato a fotografi italiani e stranieri under 35, il Premio nasce con l’intento di divulgare i lavori di giovani fotografi italiani e stranieri che contribuiscono, con il proprio operato, ad arricchire la conoscenza verso nuovi aspetti della cultura, della società e dell’attualità dell’area del Mediterraneo.

Sicarios (ph. Michele Crameri)
Tutti i bandi sono rivolti ai fotografi e alle fotografe che vivono o lavorano nei paesi del Mediterraneo. L’interesse primario di questa edizione della rassegna è il racconto del presente, le storie, per una fotografia sempre più vicina al fattore “umano”, alla persona e alla sua socialità come valore essenziale. Il limite massimo per l’invio del materiale richiesto è il 15 febbraio prossimo. La rassegna si terrà tra metà maggio e metà luglio 2018. Per i bandi e maggiori informazioni, consultare il sito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*