Tribunale Permanente dei Popoli: il programma della sessione di Palermo

Il Tribunale Permanente dei Popoli indaga sull’operato del Governo italiano verso i migranti. Sotto accusa gli accordi Italia-Libia realizzati dal Ministro Minniti

Mentre continuano le adesioni alla sessione palermitana di associazioni e organizzazioni che si occupano di diritti, legalità, ma non solo, è stato pubblicato il programma dell’attesa udienza di Palermo, prevista per le giornate 18, 19 e 20 dicembre prossimi. Sotto accusa la continua violazione dei diritti delle persone migranti e rifugiate e la loro impunità, dovuta anche agli accordi che alcuni stati membri dell’UE, tra i quali l’Italia, hanno realizzato con la Libia. Il ruolo di Pilato che la comunità europea e internazionale stanno assumendo, inoltre, prende proprio questi accordi come scusa per considerare risolto, quindi ininfluente o peggio ancora inesistente, il problema, arrivando a trascurare, o meglio censurare, le notizie e le informazioni che arrivano dai campi profughi in Libia che, sempre di più, assomigliano a lager, in cui si consumano violenze fisiche, sessuali e sfruttamento di vario tipo.

Il Viminale, sede del Ministero degli Interni
Il Sindaco di Palermo, il professor Leoluca Orlando parteciperà all’apertura della prima giornata, sarà poi Gianni Tognoni, segretario generale del TPP, che introdurrà e aprirà la “Sessione sulle persone migranti e rifugiate”. Subito dopo, il momento dell’atto di accusa. Brid Brennan, del Transnational Istitute di Amsterdam, presenterà quello della Sessione di apertura di Barcellona, mentre toccherà ad Alessandra Sciurba e Daniele Papa, presentare quello relativo all’udienza di Palermo. I lavori continueranno, attraverso focus, testimonianze, presentazione di casi, sino alle 16:30 di martedì 19 dicembre, momento in cui saranno espresse le requisitorie finali. Alle ore 17:30 si apre lo spazio previsto per la difesa, al termine della quale, si chiuderà l’udienza e la giuria si ritirerà in camera di consiglio. Ne uscirà mercoledì 20 dicembre quando, alle 16:30, presenterà la decisione raggiunta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*