Gerusalemme capitale, nuove guerre in arrivo

La città era stata occupata dallo Stato di Israele e le Nazioni Unite avevano sentenziato la “violazione del Diritto internazionale”. Inizia già domani la nuova Intifada proclamata da Hamas. Occupata la Porta di Damasco e in corso sciopero generale della parte araba della “Città Santa”. Per Trump “percorso di pace”. Netanyahu ordina intervento militare in città. Erdogan denuncia destabilizzazione del Medio Oriente

Divide et impera non basta più. Forse bisogna aggiornare in “distruggi e comanda”. La decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme capitale dello stato di Israele non è una notizia che dimenticheremo nel giro di qualche giorno. La Città Santa forse di santità ne ha poca o nulla. Da sempre luogo di scontri e conquiste era diventata capitale di Israele solo per lo Stato di Israele che la occupò anche nella parte giordana malgrado l’internazionalizzazione proclamata nel 1949 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. La Città Santa doveva essere internazionale perché questo era l’unico modo per farvi convivere ebrei, musulmani e cristiani. Israele decise di occupare anche la parte in cui non aveva titolo e di trasferirvi tutti gli uffici di Stato proclamandola Capitale dello Stato. Le Ambasciate non possono quindi risiedere a Gerusalemme, perché questa ipotesi consisterebbe nel riconoscimento della Capitale “rubata” in violazione a quanto stabilito dalle Nazioni Unite. Per questa ragione le Ambasciate presenti in israele si trovano a Tel Aviv e nei pressi di questa città. Il Congresso statunitense aveva già tentato, nel 1995, di imporre il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele all’amministrazione USA.

Donald J. Trump
Gerusalemme legittimata dagli Stati Uniti quale Capitale dello Stato di Israele, così come voluto dal presidente a stelle e strisce Donald J. Trump, ha già visto focolai di guerra a poche ore dalla dichiarazione di trasferimento dell’ambasciata statunitense. Il leader di Hamas ha già annunciato l’inizio di una nuova Intifada. La Palestina non ci sta e non intende soccombere sotto una legittimazione di dominio che sempre più allontana dalla loro terra i palestinesi. La parte araba di Gerusalemme ha già chiuso scuole ed uffici ed è pronta alla reazione che parte con uno sciopero generale. Uno sciopero che appare un permesso straordinario per l’immediato arruolamento nella resistenza della nuova Intifada.
Benjamin Netanyahu
Per il presidente degli Stati uniti questo riconoscimento di Gerusalemme è una azione che vuole andare incontro alla pace. Per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che parla pubblicamente oggi, all’indomani dell’annuncio di Trump, il presidente americano entrerà di diritto nella storia israeliana. Al momento però l’unico risultato certo è che la Porta di Damasco della Città Santa è stata occupata dai palestinesi e che Netanyahu ha già ordinato lo spostamento massiccio di Forze Armate nella Capitale per sedare le proteste.

Recep Tayyip Erdogan
Sulla decisione di Donald Trump si è pronunciato anche il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, affermando che le conseguenze di questa mossa possono essere drammatiche per tutto il Medio Oriente. Le conseguenze però potrebbero anche non essere tutte positive per Israele, malgrado Trump non abbia mai negato di voler risolvere le criticità diplomatiche tra i due Stati acuite durante la presidenza americana di Barack Obama. Una mano tesa verso Israele che potrebbe costare allo Stato ebraico un lungo periodo di guerra capace di fiaccarlo. Guerra che, unitamente all’imposizione dell’Arabia, destabilizzerebbe totalmente la precaria pace mediorientale con risvolti imprevedibili. Una ipotesi piuttosto concreta è quella di un nuovo fronte per i terroristi che, dopo la disfatta in Siria, potrebbero riunire le forze in Palestina alimentando così una nuova guerra internazionale che “costringerà” le Nazioni Unite, o le “Forze alleate” che abbiamo visto negli ultimi conflitti, ad intervenire militarmente ed in modo massiccio in Medio Oriente. In tal caso cambierebbero le coordinate geografiche e le motivazioni ma non lo scenario e gli attori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*