Egon Schiele: l’ossessione del corpo della donna

Rubrica culturale di Roberto Greco

Definito da più critici un artista leggendario, Egon Schiele è stato uno dei pittori più rappresentativi del secolo scorso. I suoi corpi nudi, le sue donne, con tratti spigolosi e i loro colori chiari, in pose sempre naturali ma sensuali e provocatorie, hanno creato un bagaglio estetico e concettuale a cui nessun artista, da quel momento in poi, ha potuto più prescindere.
Trasgressivo, innovatore e bello. Morto giovane. Sembra la biografia di James Dean o di uno dei tanti “belli e dannati” degli anni ’60. Schiele nacque nel 1890, quando il concetto di “teddy boy” era ancora lontano, ma la sua breve vita e travagliata vita, l’ha fatto entrare, di diritto, nella leggenda.
Dieter Berner lo celebra con il suo nuovo film, interpretato dall’attore austriaco Noah Saavendra. A lui è affidato il compito di introdurci al rapporto di Schiele con Gustav Klimt, di cui era pupillo e al rapporto con le sue due grandi muse ispiratrici: la sorella Gerti e Wally, il grande amore della sua vita. Ma scopriremo anche il suo lato oscuro, come quella sua predilezione per le modelle giovanissime che gli costò cara. Oltre a creare scandalo nella società viennese dell’epoca, portò l’artista in tribunale e poi in carcere per un mese, con l’accusa di rapimento, abuso di una minorenne e “pornografia”.
Scopriremo anche un artista che, allo scoppio della prima guerra mondiale, capì che la sua libertà artistica e la sua possibilità di ricerca sarebbero state minacciate da quell’evento. Sceglierà allora di fare del dolore e del suo disagio esistenziale la cifra stilista che lo consacrerà tra i maggiori interpreti dell’Espressionismo. La vita di Schiele, muore a 28 anni, non viene interrotta da un incidente automobilistico o da un’overdose. Morirà a causa di una influenza spagnola. Strano destino per un “bello e dannato”.
Il film si propone come un lungo viaggio per raccontare i lati nascosti del pittore e incisore frenetico ed ossessionato dal corpo femminile, rappresentante dell’espressionismo viennese e della “Wiener Secession”.
In attesa di un distribuzione ufficiale, il film sarà proiettato in anteprima nelle sale cinematografiche nei giorni 27, 28 e 29 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*