Lettera aperta del sindaco di Lampedusa dopo le polemiche e le critiche ricevute

La provocazione di Martello ha suscitato polemiche e accuse ed il sindaco ha deciso di scrivere la propria lettera aperta invece di affidare poche frasi esposte al rischio di strumentalizzazioni

Il sindaco di Lampedusa
Le affermazioni di Totò Martello circa i problemi di ordine pubblico a Lampedusa e la provocatoria proposta di chiudere l’hotspot se inutile o ingestibile hanno fatto il giro del Paese scatenando polemiche e attacchi mediatici. Giorgia Meloni ha usato frasi virgolettate del primo cittadino pelagico a dimostrazione della fondatezza delle proprie teorie, l’ex sindaca Giusi Nicolini lo ha accusato di intenzionale “terrorismo”, sull’isola che amministra molti suoi concittadini hanno rilevato nelle sue parole una minaccia al quieto proseguo della stagione turistica. I titoli ieri si sono rincorsi l’un l’altro in un crescendo di sensazionalismo e Totò Martello oggi ha deciso di esprimere la sua opinione per meglio chiarire ciò che egli stesso aveva dichiarato. Pubblichiamo integralmente, per dovuta correttezza, la lettera aperta apparsa oggi sul profilo Facebook del sindaco di Lampedusa e Linosa.

LAMPEDUSA, LETTERA APERTA DI TOTÒ MARTELLO: “IO, SINDACO ‘SCOMODO’ PER AVERE CHIESTO IL RISPETTO DELLE REGOLE”

“Chiudere il Centro di accoglienza di Lampedusa”: sapevo che pronunciando queste parole avrei creato un “caso”, che mi sarei attirato critiche e apprezzamenti, sguardi di indignazione e messaggi di incoraggiamento. Ma era l’unico modo per accendere i riflettori su quello che da alcune settimane sta avvenendo nella nostra isola: in troppe occasioni i migranti sbarcano, vengono soccorsi ed accolti, e subito dopo vengono lasciati liberi di muoversi come vogliono senza che nessuno intervenga per verificare se soggiornano o meno all’interno del Centro.

Se qualcuno vuole speculare sulle mie parole è libero di farlo, ma qui il tema non è né il razzismo né l’intolleranza: il punto è il rispetto dell’ordine pubblico e delle regole. Un rispetto che non può valere solo per i lampedusani, mentre chiunque altro viene lasciato libero di agire come vuole. Se un cittadino italiano avesse fatto quello che ho visto fare a molti migranti giunti sull’isola in queste settimane (vagabondare e ubriacarsi per il centro cittadino, importunare passanti, utilizzare le strade come fossero toilette a cielo aperto) e avessi chiesto l’intervento delle forze dell’ordine, nessuno avrebbe avuto nulla da obiettare. Purtroppo però devo constatare che chiedere che anche i migranti rispettino le stesse regole che valgono per i lampedusani e per gli altri cittadini italiani, secondo qualcuno significa essere “razzista” se non addirittura “terrorista”. Chi parla così vive in un mondo capovolto: un terrorista è colui il quale sovverte l’ordine pubblico, non chi chiede che venga rispettato.

Lampedusa è stata, è, ed intende continuare ad essere un’isola di accoglienza: è mio dovere però chiedere che l’accoglienza sia organizzata all’interno di un contesto di regole di ordine pubblico e di decoro. È quello che un sindaco deve fare, anche a costo di risultare “scomodo” e di vedere utilizzate e strumentalizzate le proprie affermazioni da parte di chi, in malafede, non ha a cuore né il bene dei migranti né il bene di Lampedusa.

Totò Martello, sindaco del Comune di Lampedusa e Linosa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

1 Trackback / Pingback

  1. Dietro la logica dei numeri, persone in gabbia e diritti cancellati. – Associazione Diritti e Frontiere – ADIF

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*