Arrestati coniugi di Cagliari, in casa un piccolo arsenale e dinamite

Candelotti di dinamite e armi in quantità nell'abitazione di due coniugi pregiudicati di Cagliari. Il candelotto di dinamite avrebbe potuto distruggere l'appartamento e veniva custodito sotto il letto

Quando hanno fatto irruzione nell’appartamento del quartiere cagliaritano di Is Mirrionis, i poliziotti della Squadra mobile cercavano droga, ma, oltre alle sostanze stupefacenti, hanno trovato anche una piccola Santa Barbara. Arrestati due coniugi di 47 e 42 anni, entrambi nati a Cagliari, residenti nell’appartamento e con precedenti per reati contro il patrimonio; sono ritenuti responsabili, in concorso, dei reati di detenzione di armi e materie esplodenti, nonché detenzione di droga ai fini di spaccio. Sequestrati un chilo di hashish, già diviso in panetti, 2 chili di marijuana, suddivisa in diverse buste di cellophane, due bilance elettroniche di precisione, un telefono cellulare e 400 euro in contanti.

Armi e droga sequestrati ai coniugi
Nell’appartamento gli agenti hanno trovato anche un candelotto lungo 45 centimetri e largo 5, contenente 1.250 chilogrammi di nitroglicerina, sostanza pericolosa anche perché molto sensibile alle alte temperature; se il candelotto fosse esploso avrebbe provocato gravi danni a persone e cose, distruggendo l’appartamento e quello accanto. La dinamite era nascosta sotto al letto e pronta all’uso, in quanto completa di miccia a lenta combustione e detonatore. Trovati anche una pistola calibro 9, un fucile calibro 20 tipo doppietta, con le canne mozzate, provento di furto, e un centinaio di munizioni di vario calibro. Gli artificieri della questura di Cagliari hanno messo in sicurezza il materiale esplodente, mentre gli investigatori della Mobile stanno ancora indagando sulla provenienza dell’esplosivo e delle armi, in particolare per accertare se siano state impiegate per commettere reati. Alla perquisizione dell’abitazione ha partecipato anche una unità cinofila della Guardia di finanza, specializzata nella ricerca di sostanze stupefacenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*