Trapani, probabile il commissariamento

Le elezioni comunali di Trapani non smettono di regalare colpi di scena. Fazio non si ritira ma non compete e per il Comune si prospetta il commissariamento

Il candidato a sindaco di Trapani, il centrista Girolamo Fazio, è decaduto ufficialmente dal ballottaggio del 25 giugno: non ha presentato entro il termine ultimo previsto dalla legge la lista degli assessori. Il suo avversario al ballottaggio, Pietro Savona (Pd e liste civiche) non ha una controparte con quale sfidarsi ma per essere eletto Savona avrà bisogno di un’affluenza alle urne che superi il 50% degli aventi diritto al voto (almeno 30.012 elettori) ed il 25% di voti validi (almeno 15.006). Se tutto questo non si realizza per Trapani si prospetta il commissariamento. Qualche giorno addietro Fazio aveva pubblicamente chiesto ai suoi elettori di non votarlo e subito dopo si era anche dimesso da deputato regionale. Girolamo Fazio, già due volte sindaco di Trapani, é indagato per corruzione e traffico d’influenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*