Tregua breve per gli sbarchi, a Lampedusa altri 122 dopo mezzanotte – FOTO

Tre sbarchi con 122 migranti a Lampedusa in un'ora e il centro di accoglienza torna a 500 presenze. Due barche erano arrivate in acque territoriali dalla Libia. Otto migranti sbarcano autonomamente

Motovedetta SAR classe 300 della Guardia Costiera entra in porto a Lampedusa all'una di del 27 luglio 2020

di Mauro Buccarello

Mezzanotte appena trascorsa, mentre in porto si imbarcano 320 migranti sui pattugliatori della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza, otto persone di nazionalità tunisina sono entrate in porto con un barchino. Vengono fermati dalla Guardia di Finanza a terra e trattenuti fino al trasferimento presso il centro di accoglienza. In porto continua l’imbarco dei migranti per il trasferimento (foto sotto).

Quando le due navi erano pronte a mollare gli ormeggi, una motovedetta della Guardia Costiera era pronta ad entrare in porto con 70 migranti a bordo (foto sotto). La motovedetta SAR classe 300 porta con se anche la barca su cui navigavano. Una barca in legno con due motori fuoribordo come da recente uso dei trafficanti di Zawiya e Zuwara.  Tregua durata poco a Lampedusa, dove ieri, 26 luglio, erano sbarcati soltanto 55 migranti.

Mentre la motovedetta ormeggiava al molo Favarolo la barca dei migranti che aveva al traino, le due navi lasciavano il porto di Lampedusa. La SAR è tornata ad ormeggi liberi ed ha sbarcato i 70 migranti al molo commerciale. Con notevole sincronismo la motovedetta ha liberato l’ormeggio in tempo per l’arrivo di un’altra SAR della Guardia Costiera. A bordo c’erano altri 44 migranti. Forse gli stessi di una richiesta di soccorso diramata da Alarm Phone. Secondo il tweet ieri notte dalla centrale di allarme telefonico civile, la barca con circa 45 persone a bordo si trovava a breve distanza da Lampedusa ma in area di acque internazionali la cui competenza per ricerca e soccorso è maltese. I 44 migranti sono arrivati a Lampedusa questa notte, dopo quasi 24 ore dalla richiesta di soccorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*