Una notte al museo, denunciato ragazzo a Sydney

Entra nel museo chiuso in piena notte per farsi selfie con i dinosauri in mostra. Scoperto dalla polizia anche per il furto di un cappello da cowboy e di una opera d'arte grazie al circuito di videosorveglianza

Una immagine del celebre film di e con Ben Stiller "Una notte al museo"

La polizia australiana lunedì ha accusato uno studente tedesco di essere entrato di nascosto in un museo di Sydney. Il circuito di videosorveglianza lo ha filmato intento nello scattare selfie accanto dinosauri esposti per una mostra. Il Museo australiano è il più antico del paese. È stato chiuso al pubblico dall’agosto 2019 per lavori di ristrutturazione. La polizia del New South Wales (NSW) ha riferito che Paul Kuhn è entrato nel Museo australiano il 10 maggio all’una di notte circa, ora locale, usando alcuni ponteggi vicini, e che ha esplorato il museo per 40 minuti.

Ha preso alcuni selfie con alcuni oggetti esposti. Ha anche rubato un cappello e una foto dal muro e alla fine se ne è andato“, ha detto ai giornalisti Sean Heaney, capo ispettore della polizia del NSW. Lo studente di 25 anni si è presentato lunedì in Tribunale, dove ha subito l’accusa per il furto di un cappello da cowboy e di un’opera d’arte. Gli è stata concessa la libertà su cauzione a condizione del temporaneo ritiro del passaporto e di una libertà condizionata da un orario in stile coprifuoco.

(Fonte Reuters)

Fotogrammi del video concessi dalla polizia del New South Wale all’agenzia di stampa Reuters

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*