Migrazioni e COVID-19, sbarco di circa 300 migranti a Pozzallo

Accordo diplomatico tra Sicilia e Malta per una deroga all'ordinanza regionale siciliana ed al decreto ministeriale maltese che ha permesso a circa 300 italiani bloccati sull'isola-Stato di rientrare in Italia

Catamarano "Saint John Paul II" a Pozzallo il 18 marzo 2020 (Ph: Alessio Tricani)

Sono approdati a Pozzallo, sulla costa sudest della Sicilia, i circa 300 migranti condotti in porto dal traghetto catamarano per trasporto veloce di merci Saint John Paul II. Lo sbarco è stato autorizzato in via eccezionale dalla Regione Sicilia che il 16 marzo aveva sospeso il trasporto marittimo da e per la Sicilia. Allo sbarco, intono alle venti di questa sera, era presente, come al solito in questi casi, il dottor Vincenzo Morello che ha visitato gli emigrati che scendevano da catamarano. La scena non è però quella di una ONG con i naufraghi soccorsi in mare ma dei siciliani che si trovavano a Malta e non potevano più rientrare a causa delle chiusure delle “frontiere”, quella della Sicilia che si è isolata dal resto d’Italia per i collegamenti marittimi e quella di Malta in cui un autorevole membro del Governo di La Valletta aveva minacciato di espulsione gli italiani che avessero perso il reddito a causa della crisi e – soprattutto – dell’assistenza sanitaria non garantita agli “immigrati” di nazionalità italiana.

Per riuscire a far rientrare in Italia, con lo sbarco di questa sera nel porto siciliano di Pozzallo, gli italiani che si trovavano a Malta è stato anche necessario ricorrere ad un espediente che aggirasse le stesse ordinanze di chi si era adoperato per il rientro. L’autorizzazione era stata concessa, in deroga, dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Ma il decreto ministeriale maltese che ha limitato i collegamenti marittimi da e verso la Sicilia alle sole merci aveva impedito ieri di risolvere il rientro in Patria degli italiani che oggi hanno viaggiato sul catamarano merci in deroga al predetto decreto. Dopo lo sbarco, ed al termine del triage sanitario in porto, come per i migranti sbarcati dalla nave ONG Ocean Viking, i “rimpatriati” dovranno attenersi alla quarantena di 14 giorni dopo aver firmato l’autocertificazione che nel nuovo modello introdotto ieri prevede che si dichiari di non essere positivo al nuovo coronavirus anche se non si è fatto alcun tampone e non conoscendo una eventuale affezione asintomatica. Come nel caso dello sbarco dei migranti provenienti dal nord Africa, prassi ormai consolidata da anni salvo sporadiche eccezioni, la zona è stata interdetta alla stampa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

1 Commento

  1. Il commento sull ufficiale dell governo maltese e’totalmente inezzatto. Il minstro Schembri ha detto che le person di azzionalita terza,(provenienza all di fuori dall UE) sarranno espulsi si non anno un lavoro entro i dieci giorno di disocupazione.

1 Trackback / Pingback

  1. From national threat to oblivion - Prayer Of Peace

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*