Coronavirus, contagiato 38enne in Lombardia che non era stato in Cina

L'uomo è stato ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di Codogno. Le persone che sono state a contatto con il paziente sono in fase di individuazione e sottoposte a controlli specifici

“Un 38enne italiano è risultato positivo al test del coronavirus. Sono in corso le controanalisi a cura dell’Istituto Superiore di Sanità. L’uomo è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Codogno i cui accessi al pronto soccorso e le cui attività programmate, a livello cautelativo, sono attualmente interrotti. Le persone che sono state a contatto con il paziente sono in fase di individuazione e sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie”. Queste le parole con cui l’assessore lombardo al welfare, Giulio Gallera, ha dato notizia del nuovo contagio. Secondo una ricostruzione del Corriere della Sera, l’uomo non sarebbe stato in Cina, ma avrebbe visto alcune persone di ritorno dal paese asiatico. “Le ultime notizie mi portano a ripetere per l’ennesima volta l’unica cosa importante. Chi torna dalla Cina deve stare in quarantena. Senza eccezioni. Spero che i politici lo capiscano perché le conseguenze di un errore sarebbero irreparabili”, le parole del virologo Roberto Burioni.

Agenzia DIRE

www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*