Il costo delle farfalle

Il PuntoNave di Vittorio Alessandro

di Vittorio Alessandro

Che la politica costi non è un mistero per nessuno. Molto di più da quando Berlusconi impegnò parte del patrimonio personale per l’avventura di Forza Italia. Allora non bastarono più i manifesti, i volantini, i viaggi e le cene, ma si reputarono necessari magnificenti apparati scenici e orecchini-farfalla per le signore.

Dalla forma del partito-azienda ben pochi si salvarono, perché l’idea (berlusconiana) che l’Italia stessa fosse un’azienda ebbe fortuna anche ai vertici del Pd, pronto a reperire sul campo imprenditori “politicamente corretti”, disponibili a farsi rotelle di personali cerchi magici.

Premier, alti leader, governatori, perfino sindaci ebbero il proprio cerchio magico, segno di un nuovo potere e di successo individuale.

Fondazioni, società misteriose, e ora loschi viaggi in Russia e in Cina servono a sostenere i costi di una politica che della politica conserva soltanto il nome trattandosi, invece, dei costi della scalata di questo o quel capo indiscusso.

Aveva ragione Marco Pannella: una volta abolito il finanziamento pubblico dei partiti, lo Stato avrebbe dovuto sostenere la politica finanziando spazi, studi, pubblicistica. La politica ha scelto, invece, le farfalle.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*