Fattallà, nel 1993 gli Almamegretta cantavano l’Italia dei porti chiusi

Il brano degli Almamegretta inciso nel 1993 raccontava di una società arroccata e pronta a sparare contro il diverso, l'estraneo, il migrante che muore di fame. "Fattallà descriveva una popolazione drogata da "Razza, cultura, nascita e nazione" a cui dover porre rimedio costruendo una società più aperta

Nel 1993 gli Almamegretta lavoravano alla loro opera prima: l’album Animamigrante. Tra le undici tracce del disco c’è “Fattallà”, un brano cantato in dialetto napoletano ed il cui testo sembra una prodigiosa chiaroveggenza. Riascoltarlo oggi, dopo oltre 25 anni, è un’esperienza incredibile. Sembrerebbe scritto al massimo tra il 2018 ed il 2019, eppure quella descrizione del “razza, cultura, nascita, nazione, sono diventate la droga della popolazione” risale al 1993. Gli Almamegretta raccontavano con questo brano ciò che forse prima di altri avevano visto all’orizzonte: una società sempre più intollerante e disposta alla guerra tra poveri. In un concerto relativamente recente, Raiz, voce degli Almamegretta, ha così presentato al pubblico l’esecuzione del brano: “Fattallà: È la cosa che viene detta a tutte le persone che vengono dall’Africa e dall’Asia a cercare un po’ di legittima felicità; dopo che la civile Europa gli ha devastato i loro Paesi di provenienza. L’unica cosa che viene detta è fattallà! Fattallà, in napoletano, significa “vattene!”

Un periodo conclusivo del brano Fattallà, in perfetto stile vocale di Raiz, supera l’analisi sulla società drogata dal razzismo e dall’odio verso il prossimo e passa alla conclusione propositiva che vi proponiamo tradotta: “Fattallà. Questa è la nuova civiltà, non c’è spazio neanche per la diversità. Tutti chiusi, anche a costo di sparare. In questa prigione monoculturale, nord e sud, siamo tutti quanti uguali per colpa di questo sistema che ci ha reso tutti schiavi. Allora è venuto il momento di intervenire per costruire una società che non dice “Fattallà, perché qua non ci puoi stare!”

Un breve estratto audio del brano:

Per quanti conoscono il dialetto napoletano, il testo completo della canzone:

Fattallà Pecchè ccà nun ce può stà

Fattallà A casa mia nun ce può stà

Spazio vitale identità razziale Ccà tutte quanti teneno l’orgoglio nazionale

Fattallà A casa mia nun ce può stà

Fattallà A casa mia nun ce può stà

Fattallà Nun pozzo manco riciatà

Razza cultura nascita nazione so’ addiventate droga d’a popolazione

Fattallà Nunn’e capito fattallà

Fattallà Insieme a nuje nun ce può stà

Fattallà cho! Manco pe’ nuje ce ne stà

Che ce ne fotte si te puzze ‘e fame si te morono ‘e ccriature si nun tiene manco ‘e panne

Chi tanto e chi niente e chi ‘o ttene no nun t’o vvò dà

Chi tanto e chi niente e nisciuno no nun t’o vvò dà

Nun ce stanno case siente d’alluccà

Nun ce sta fatica siente d’alluccà

Nun ce stanno denare siente d’alluccà

L’unica soluzione è dicere Fattallà pecchè ccà nun ce può stà

Fattallà A casa mia nun ce può stà Fattallà cho! Nun pozzo manco riciatà

Razza cultura nascita nazione so’ addiventate a droga d’a popolazione

Fattallà Nunn’e capito fattallà Fattallà insieme a nuje nun può campà

Fattallà Cho! Manco pe’ nuje nun ce ne stà

Che ce ne fotte si te puzze ‘e fame Si te morono ‘e ccriature Si nun tiene manco ‘e panne

Fattallà fattallà Chesta è a nova civiltà

Nun ce sta spazio manco p’a diversità

Tutte ‘nzerrate anche a costo di sparare

Ind’ a stu serraglio monoculturale

Nord e sud Nord e sud

Simm’ tutte quante uguali

Pe’ mmezo ‘e stu sistema che ce ha fatto a tutt schiavi

E allora è venuto ‘o mumento e c’ ammiscà a costruÌ na società che nun dice

Fattallà pecchè ccà nun ce può stà

Chi tanto e chi niente E nisciuno nun t’o vvò dà…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*