Quelle parole omesse da Conte

Il PuntoNave di Vittorio Alessandro

di Vittorio Alessandro

Costretti, per le misure in difesa dei Sacri Confini, a rimanere al largo, ecco come i pericolosi terroristi – bambini e donne e malati della Mare Jonio – hanno dovuto fare un vergognoso trasbordo sulla motovedetta: attendendo l’onda giusta. Ne resterà memoria. Dopo che il suo precedente governo ha vantato glorie e accatastato disgrazie sulla immigrazione, Giuseppe Conte si è ben guardato dal toccare l’argomento nel discorso di presidente incaricato (con riserva).

Ciò mentre le norme incostituzionali da poco emanate fra grandi risate e pacche sulle spalle provocano altra sofferenza, come in queste ore, a largo di Lampedusa.

Se nel fardello della “riserva” è contenuto anche il tema immigrazione, non c’è da stare molto rilassati.

Per posto vacante Viminale cercasi militesente uso Twitter e selfie, veloce cambio felpa, cinque slogan con bacioni, autofornito Bestia e coroncina.

Quanto a noi, continuiamo a ripercorrere amaramente le parole di Stefano D’Arrigo in “Horcynus Orca”: “Non c’è lido più lontano di quello dove non si approda”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*