Sea Watch, il Diritto è uno

Il PuntoNave di Vittorio Alessandro

di Vittorio Alessandro

Riportare in Libia le 54 persone a bordo della Sea Watch, come ordinato dal governo italiano, costituirebbe infrazione alle norme internazionali che impongono il loro trasferimento in un porto sicuro (Tripoli non lo è per stessa ammissione del ministro Salvini).

Contravverrebbe anche alla regola che vieta i respingimenti collettivi, ovvero esercitati nei confronti di gruppi di persone fra le quali possono trovarsi anche titolari di diritti inderogabili.

Non si può fingere che i naufraghi della Sea Watch attendano, come tutti i naufraghi, soltanto di ritrovare terra, essendo fuggiti da quella in cui stavano.

Se si tratta di possibili terroristi, che essi siano arrestati; se vittima di sequestro o di trafficanti, li si liberi prima di subito e si puniscano i responsabili.

Il diritto non prevede altre strade, anche il nuovo decreto Sicurezza, che neppure è stato ancora promulgato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*