Arma a doppio taglio per Salvini con la Sea Watch, rischi legali per il ministro

La nave Sea Watch 3 è giunta questa notte nelle vicinanze di Lampedusa ma il porto è “chiuso” e l’accesso alle acque territoriali negato. Salvini insiste sul porto di Tripoli quale “porto sicuro” di sbarco delle persone soccorse, negando la realtà riconosciuta a livello mondiale sulla pericolosità di tale approdo. L’Italia sta forzando le convenzioni internazionali e rischiando nuovi procedimenti in sede internazionale

di Mauro Seminara

Malgrado c’è chi sostiene che il “risveglio” del Centro di Soccorso Marittimo della Libia sia un’arma a favore di Matteo Salvini ed una trappola tesa alle Ong, la situazione potrebbe essere esattamente contraria ed a cadere a piè pari nella trappola sarebbe invece proprio il ministro dell’Interno. Forse troppo impegnati con gabbiani anti riunioni di governo e passerelle anti riunioni dei ministri degli Interni europei, il leader della Lega non si è accorto che l’area SAR attribuita alla Libia, e la conseguente Centrale di Coordinamento Soccorso, sono entità riconosciuto – per quanto assurdo – a livello internazionale dall’IMO, International Maritime Organization. Allo stesso modo, ugualmente riconosciuto a livello internazionale, è lo stato di non sicurezza della Libia, che essa non rappresenti un Place of Safety (un porto sicuro), che sia dilaniata adesso da ufficiale guerra civile, che non ha mai sottoscritto la Carta dei Diritti Umani. Ne consegue che la Sea Watch 3, effettuato il soccorso in acque internazionali di competenza SAR libica, abbia giustamente chiesto indicazione di Place of Safety a tutte le autorità competenti – dal Paese di bandiera alla Libia – ma che ciò non equivale a dover accettare obbligatoriamente il porto indicato dal Coordinamento della Libia se questo indica un porto libico. La Libia non può indicare uno dei propri porti. Tanto semplice quanto impossibile da capire, per il ministro Salvini ed anche per i suoi followers.

La Sea Watch 3 ha ricevuto dalla Libia indicazione di sbarco nel porto di Tripoli, che è un luogo estremamente insicuro, per i profughi appena soccorsi ma anche per la stessa Ong. Non una volta, già negli anni precedenti, le navi Ong hanno visto i libici della cosiddetta “guardia costiera” aprire il fuoco con mitragliate contro i soccorritori a bordo. La risposta della Ong tedesca Sea Watch è stata infatti la seguente: “Tripoli non è un porto sicuro. Riportare coattivamente le persone soccorse in un Paese in guerra, farle imprigionare e torturare, è un crimine. È vergognoso che l’Italia promuova queste atrocità e che i governi UE ne siano complici.” Risposta sufficiente a chiudere ogni discorso. Ma c’è una replica, ed arriva da un sedicente uomo delle istituzioni come il ministro dell’Interno: “Stiamo assistendo all’ennesima sceneggiata: dicono di essere i buoni, ma stanno sequestrando donne e bambini in mezzo al mare. Per loro, #portichiusi!”. Non è una bufala. Il ministro dell’Interno italiano, accusato di sequestro di persona aggravato per il caso Diciotti – poi salvato dagli alleati “dell’onestà” in Commissione ed in Senato – e probabilmente nuovamente accusato di sequestro di persona aggravato proprio per un caso riguardante la Sea Watch 3, adesso scrive a beneficio dei suoi seguaci che la nave della Ong sta sequestrando donne e bambini in mezzo al mare. Il “sequestro”, fino a leggi internazionali contrarie, è causato dall’unica indicazione di Place of Safety provenuta dalla Libia ed indicante il porto di Tripoli in cui, salvo che a bordo della Sea Watch 3 non ci siano dei veri criminali, la Ong non può condurre le persone soccorse. Quindi, il “sequestro” è dovuto all’assenza di vero “porto sicuro” più vicino in cui poter concludere la missione di soccorso.

Governando attraverso il consenso sui social invece che in sede con al fianco la consulenza di tutti gli esperti, generosamente retribuiti dagli italiani per le loro indiscutibili competenze messe a disposizione dei vari Ministeri, può anche causare la sottovalutazione legale di una frase che viene invece letta come una mera ricerca di consenso a cui dover replicare. “È vergognoso che l’Italia promuova queste atrocità e che i governi UE ne siano complici.”, è invece un messaggio che con tutta probabilità finirà agli atti di un processo. Sia questo da celebrare in Italia o presso la Corte internazionale dell’Aja. In assenza di riscontro da parte delle autorità tunisine, che hanno dimostrato di voler battere ogni record di giorni di sequestro di profughi a bordo di una nave soccorritrice, ed escluso il porto non sicuro di Tripoli che la Libia non può indicare per lo sbarco, l’unico Place of Safety nelle immediate vicinanze è quello italiano di Lampedusa. La Sea Watch 3 si trova infatti ad un paio di miglia oltre il confine con le acque territoriali italiane di Lampedusa, e vaga avanti ed indietro in attesa di indicazioni o autorizzazioni, che ovviamente non arrivano. D’altro canto, in uno dei tweet con cui non si capisce se il ministro dell’Interno governa o fa propaganda, Salvini definiva “ciondolare” quello della nave Ong e asseriva che questa “gioca sulla pelle degli immigrati, nonostante abbia chiesto e ottenuto un porto da Tripoli”. Peccato sfugga al ministro dell’Interno, a quello dei Trasporti, al presidente del Consiglio ed a tutto il Governo della Repubblica italiana, che l’Italia non può rifiutare il Place of Safety alla Sea Watch 3 e che non può “promuovere” il respingimento verso un porto non sicuro negando l’approdo in uno dei propri porti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*