Sfruttamento di braccianti e insulti razzisti nel trapanese, pagati tre euro l’ora

Blitz della Guardia di Finanza in provincia di Trapani. Il gruppo criminale, composto da tre italiani e un rumeno, agiva da circa un decennio. I braccianti sfruttati subivano anche ricorrenti insulti razzisti

Tre euro all’ora per una giornata lavorativa che arrivava fino a 12 ore, dal lunedì al sabato. Queste le condizioni a cui erano costretti a sottostare i braccianti agricoli di nazionalità rumena impiegati nelle campagne trapanesi, che venivano anche minacciati e vessati con insulti a sfondo razziale. Una realtà scoperta dalla guardia di finanza di Trapani, che ha portato avanti le indagini coordinate dalla Procura di Marsala: scattati quattro obblighi di dimora nei confronti di tre italiani e un cittadino rumeno, che dovranno rispondere di “intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro”.

Eseguito anche un sequestro preventivo della cooperativa per mezzo della quale l’organizzazione operava e dei beni aziendali per un valore complessivo di quattrocentomila euro. Le indagini, partite nel 2016 e andate avanti attraverso le dichiarazioni di alcuni braccianti e i sopralluoghi effettuati con l’Ispettorato del lavoro di Trapani, hanno portato alla scoperta di una “attività criminale organizzata, continuata e pervicace – sostengono le fiamme gialle – mai interrotta negli anni e dedita allo sfruttamento dei braccianti agricoli di nazionalità rumena”.

Una organizzazione che secondo la guardia di finanza andava avanti da quasi un decennio. i lavoratori venivano reclutati ed accompagnati sui campi da lavoro nella disponibilità della Cooperativa in virtù di contratti di affitto o comodato di Marsala, Mazara del Vallo, Partanna, Salemi, Castelvetrano e Pantelleria: lì venivano impiegati in nero “e in condizioni vessatorie, sottoposti a continua sorveglianza e violenze, intimidazioni, offese a sfondo razziale, minacce, talvolta – sostengono gli investigatori – anche mediante uso delle armi”.

Gli operai venivano impiegati in lavori come la spietratura dei terreni, la potatura delle coltivazioni con forbici elettriche, la zappatura, la raccolta delle uve e la spargitura di diserbanti, insetticidi e altri fitofarmaci altamente nocivi senza sosta e in qualunque condizione meteo. Il tutto avveniva “in assenza di alcun presidio che garantisse la tutela della loro sicurezza”. I braccianti, infatti, erano costretti a non recarsi in ospedale in caso di infortuni sul lavoro: nei casi in cui questo avveniva, scattavano le minacce per costringere i lavoratori a mentire sulle cause dell’infortunio.

Agenzia DIRE

www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*