Assenteismo in assessorato Regione Sicilia: 42 indagati, 11 con obbligo di firma

In 42 dovranno rispondere dei reati di truffa aggravata, accesso abusivo al sistema informatico e false attestazioni e certificazioni. Per 11 è scattata la misura dell’obbligo di firma, per altri venti la sola denuncia

“Una consolidata prassi di assenteismo ingiustificato realizzata attraverso un andirivieni di dipendenti pubblici che, in completa autonomia, gestivano i loro turni di servizio con presenze fittizie debitamente e furbescamente certificate”. È quanto accadeva, secondo la guardia di finanza di Palermo, all’assessorato regionale alla Salute di piazza Ottavio Ziino, nel capoluogo siciliano. Sono complessivamente 42 i dipendenti indagati, di cui undici sono finiti ai domiciliari. I “furbetti del cartellino”, tramite lo scambio dei badge e l’utilizzo improprio dei Pc aziendali, sarebbero riusciti “in modo sistematico ad attestare false presenze”. Molti dipendenti, infatti, nonostante risultassero in servizio, “erano soliti recarsi a lavoro con circa tre ore di ritardo, occuparsi di faccende private quali la spesa o il parrucchiere”. In alcuni casi raggiungevano anche località fuori Palermo. Le fiamme gialle hanno scoperto il tutto attraverso pedinamenti e microspie: sarebbero oltre 400 le ore di lavoro “fraudolentemente attestate ma in realtà mai rese”. I 42 dovranno rispondere dei reati di truffa aggravata, accesso abusivo al sistema informatico e false attestazioni e certificazioni. Per 11 è scattata la misura dell’obbligo di firma, per altri venti la sola denuncia.

Agenzia DIRE
www.dire.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*