Facebook ammette “indagini” su George Soros

Il colosso social Facebook, creatura di Mark Zuckerberg, già allusivamente minacciato dal magnate ungherese naturalizzato americano George Soros, ha confermato di aver ingaggiato la Definers Public Affairs per fare “indagini” su Soros. Dopo che l’88enne miliardario aveva tuonato sul controllo dei social come Facebook per l’influenza che questi hanno in tempi di campagna elettorale, il gioiello quotato in borsa di Mark Zuckerberg era finito sotto i riflettori per varie violazioni di dati sensibili degli utenti ceduti a società esterne ed aveva pagato pesanti sanzioni e perso pesantemente in borsa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*