Napoli, spari contro un venditore ambulante senegalese

A sparare sono stati due uomini in sella a uno scooter. Esplosi tre proiettili di cui uno andato a segno. A Vicofaro, in provincia di Pistoia, due giovani italiani hanno sparato uno o due colpi di arma da fuoco in direzione di un migrante al grido di “negri di merda”

di Nadia Cozzolino

Non sarebbe in pericolo di vita Cissé Elhadji Diebel, giovane senegalese di 22 anni vittima di un raid ieri sera a Napoli. Il ragazzo, venditore ambulante in Italia da diversi anni e con un regolare permesso di soggiorno, è stato ferito alla gamba e sarà sottoposto a un’operazione. A sparare sono stati due uomini che, in sella a uno scooter, hanno esploso tre proiettili, uno di questi è andato a segno

Sul caso indaga la polizia. Il fatto è accaduto in via Milano nel quartiere del Vasto, a ridosso del mercato dove lavora l’ambulante e a due passi dalla stazione centrale di Napoli. La comunità senegalese di Napoli denuncia che a sparare sono stati “due individui di pelle bianca” e parla di un “gravissimo episodio”, l’ennesimo “di una lunga sequenza di aggressioni e violenze contro i migranti, e in particolare di uomini e donne nere, che si sono moltiplicate in questi mesi in tutto il Paese e, in questi giorni, purtroppo anche in Campania dove contiamo almeno sei aggressioni in quattro giorni”.

L’associazione invita alla mobilitazione, oggi alle 17 da piazza Garibaldi, dove si svolgerà un presidio per dire “no” al razzismo. “Chiediamo – dicono – a tutti e a tutte, italiani, immigrati, antirazzisti e antirazziste, di scendere in piazza per far sentire forte la propria voce e non piegarsi a chi usando metodi e linguaggi fascisti sta sdoganando violenze gratuite e continuate ai danni degli stranieri”.

Nadia Cozzolino – Agenzia DIRE
www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*