Il comandante Maccarone saluta Lampedusa

Da Lampedusa a Pantelleria il comandante Rocco Maccarone che dopo otto anni lascia la Brigata della Guardia di Finanza delle Pelagie. Al suo posto arriva da Avola il Luogotenente Antonino Gianno

In copertina: Il maresciallo Rocco Maccarone a sinistra e il luogotenente Antonino Gianno sulla destra

Alla presenza del Comandante Provinciale e del Comandante della Compagnia si è tenuta una piccola cerimonia interna di avvicendamento alla Brigata della Guardia di Finanza di Lampedusa, tra il Maresciallo Aiutante Rocco Maccarone, che lascia la guida del Reparto dopo 8 anni, ed il Luogotenente Antonino Gianno. Il Maresciallo Aiutante Rocco Maccarone durante il periodo di permanenza nel delicato contesto ha svolto una validissima azione di comando raggiungendo importanti risultati di servizio in tutti i principali settori della mission istituzionale della Guardia di Finanza.

Risultati in tema di contrasto alla criminalità economico-finanziaria come i reati contro la pubblica amministrazione, al contrasto del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti ma anche significativi risultati connessi al fenomeno dell’immigrazione. Ha dovuto, infatti, affrontare e gestire unitamente ai componenti della Brigata, situazioni delicate connesse al grave fenomeno degli sbarchi, riuscendo, ad accrescere il prestigio della Guardia di Finanza tra la popolazione Lampedusana, consolidando ulteriormente l’importanza dell’attività svolta dal Corpo non solo a tutela degli interessi finanziari ed economici, ma, più in generale e in un’ottica eminentemente sociale.

Il Maresciallo Maccarone metterà ora la sua esperienza a disposizione della Brigata di Pantelleria ove ha chiesto di essere destinato. Al suo posto si è insediato il Luogotenente Antonino Gianno – 52 anni, di origini trapanesi, proveniente dalla Tenenza di Noto, che ha già alle sue spalle l’esperienza del comando della Brigata di Pachino, e maturato importanti esperienze professionali presso il nucleo di polizia tributaria di Treviso e la Tenenza di Avola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*