Governo, Di Maio: “Maggioranza è Lega-M5S, partano commissioni”

Luigi Di Maio ha incontrato il leader della Lega Matteo Salvini alla Camera dei deputati. Domani incontro dei capigruppo M5S e Lega. Possibile maggioranza M5S-Lega con commissioni e minoranza per il Governo

“Noi lavoriamo per far partire le commissioni parlamentari e far realizzare il contratto dal Parlamento perché finché non si va al voto in Parlamento l’unica maggioranza è quella M5S-Lega”, dice Luigi Di Maio dopo aver incontrato il leader della Lega Matteo Salvini alla Camera. Il capo del movimento politico ha riferito che domani si incontreranno i capigruppo di 5 Stelle e Lega.

“CONVINTI DI IMPEACHMENT MA ASPETTIAMO QUALCHE GIORNO”

“Noi del MoVimento 5 Stelle siamo totalmente convinti di andare avanti ma aspetteremo qualche giorno perché c’è un’altra ragione per promuoverlo ed è quella che si manda al parlamento un governo che non ha la maggioranza questo è assurdo”. Lo dice Di Maio ai cronisti che gli chiedono se resta convinto della azione di impeachment contro il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

“VOTO IL PRIMA POSSIBILE”

“La prima cosa che chiediamo è di andare al voto il prima possibile”. A chi gli chiede se si può andare a votare anche ad agosto il capo del movimento 5 Stelle si limita a ripetere: “Il prima possibile”.

“APPENDERÒ BANDIERA ITALIANA A FINESTRA MONTECITORIO”

“Appenderò oggi una bandiera italiana fuori dalla finestra del mio ufficio affinché tutti possano vederla. Invito tutti a fare altrettanto. Tiriamo fuori il nostro orgoglio di essere italiani”, dice Luigi Di Maio, che chiama alla “protesta pacifica” contro la decisione di far nascere il governo Cottarelli. “Organizzeremo anche delle manifestazioni nelle principali città italiane, delle passeggiate”, aggiunge Di Maio.

“CI VORREBBE STATO ACCUSA PER QUALCHE CONSIGLIERE MATTARELLA”

“Io sono stato un profondo estimatore di Mattarella e ora sono molto deluso”, dice Luigi Di Maio dopo aver incontrato il leader della Lega Matteo Salvini alla Camera. Poi aggiunge: “andrebbe messo in stato di accusa qualche consigliere di Mattarella più che Mattarella ma non esiste questo Istituto”.

Agenzia DIRE
www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*