Esce oggi “Paratechnicolor”, l’album d’esordio di “Noir & The Dirty Crayons”

Potente ma allo stesso tempo ballabile e diretto, il disco d'esordio della band bergamasca è uno spaccato di quotidianità, volutamente esasperato da testi ironici e taglienti in cui sonorità tipicamente rock s’intrecciano a partiture pop ed influenze elettroniche

In copertina: Noir, all'anagrafe Maurizio Griglio, cantautore, chitarrista, interprete e fondatore di “Noir & The Dirty Crayons”

di Roberto Greco

Si intitola “Paratechnicolor” ed è il disco di esordio della band bergamasca “Noir & The Dirty Crayons”. Anticipato lo scorso 8 marzo dal video-single “Autodafè”, si caratterizza per sonorità tipicamente rock che si intrecciano a partiture pop ed influenze elettroniche, il tutto racchiuso in un disco potente ma allo stesso tempo ballabile e diretto.

Autodafè – Noir & The Dirty Crayons – official video

“Noir & The Dirty Crayons” rappresentano l’unione del mondo della musica elettronica moderna con sonorità più vintage, il tutto contornato da una spiccata attitudine punk. “Paratechnicolor” racchiude in nove brani, uno spaccato di quotidianità, volutamente esasperato da testi ironici e taglienti. I temi trattati all’interno dei brani sono facilmente assimilabili alla realtà che tutti viviamo giornalmente, a volte presi bene con la voglia di reagire, altre volte chiusi in casa, protestando sui social. Potente ma allo stesso tempo ballabile e diretto, il disco d’esordio della band bergamasca è uno spaccato di quotidianità, volutamente esasperato da testi ironici e taglienti in cui sonorità tipicamente rock s’intrecciano a partiture pop ed influenze elettroniche. L’album è stato prodotto da “Noir” e Valter Sacripanti, hanno partecipato alle registrazioni lo stesso Sacripanti, Nik Mazzucconi, Massimo Ciocca. Registrato, mixato e masterizzato presso i “RecLab Studio” di Buccinasco, in provincia di Milano, da Larsen Premoli, “Paratechnicolor” è disponibile da oggi negli store abituali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*