Governo, Calenda: “Con quel piano Italia rischia distruzione”. Monti: “Ridurre debito? Né in cielo né in terra”

Drastiche le bocciature della bozza di contratto con il programma di Governo M5S-Lega da parte del ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda e dall’ex premier e professore bocconiano Mario Monti

“Sto criticando un programma di Governo. Non una dichiarazione o un tweet. Se quello è il piano il Paese corre un rischio mortale e occorre mobilitarsi sul serio per evitare che venga distrutto. Imprese, lavoratori e cittadini. A prescindere dal partito di provenienza”. Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico, lo scrive su Twitter rispondendo a un utente su tema del programma M5S-Lega.

Mario Monti: “Idea cancellazione debito non sta né in cielo né in terra”

Ci sono “idee assolutamente infattibili che gettano una luce pericolosa e antipatica sull’Italia. L’idea della cancellazione del debito italiano nelle mani della Bce non sta né in cielo né in terra”, soprattutto se “presentata da un singolo Paese e in questo modo”. Lo dice Mario Monti a Rainews 24. Per Monti questo “può alimentare gli stereotipi” secondo i quali “gli italiani non sono pronti a onorare gli impegni presi”. E poi emerge “la convinzione, in alcuni partecipanti all’elaborazione del programma di Governo, che per fare più crescita possiamo sottrarre risorse agli italiani del futuro, ai nostri figli e nipoti che tanto non se ne accorgono”. Insomma, sottolinea Monti, abbiamo “lottato anni per liberare l’Italia da questi stereotipi”.

L’ex premier e senatore a vita Mario Monti

Agenzia DIRE
www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*